Meteo: quelle previsioni inquietanti del 2014 [VIDEO]

Meteo: quelle previsioni inquietanti del 2014 [VIDEO]

Hai fretta? Leggi direttamente ciò che ti interessa:

Previsioni Meteo tv francese del 2050 già veriticatesi

L’Italia si appresta ad accogliere Caronte, ondata di calore che ci farà friggere nei prossimi giorni, con temperature che in alcuni punti del belpaese sfonderanno i 40 gradi. Ormai ci stiamo abituando e ad ogni nuova ondata di calore torna la litania sui cambiamenti climatici, su come bisogna difendersi dal caldo, e, più recente, sull’impossibilità di rinunciare ai condizionatori per ovviare all’emergenza energetica.

In questo contesto, appare quanto mai inquietante una previsione meteo del 2014, mandata in onda sull’emittente francese TF1 relative ad una data futura: il 18 agosto 2050. Basata su proiezioni storiche e stime dei climatoligi.

La presentatrice Evelyne Dhéliat mostra una cartina della Francia quasi tutta rossa, colore utilizzato per indicare le zone con alte temperature. Seppur con gradazioni diverse, di cui la più scura nella parte centrale del paese. Le minime si posizionavano tra i 15 e i 26 gradi, mentre le massime arrivavano ai 43 gradi.

Bene, anzi male, l’aspetto più inquietante è che quelle previsioni meteo hanno anticipato realmente quanto sarebbe accaduto, ma con 28 anni di anticipo e solo a 8 anni di distanza da quella proiezione.

Di fatti, in Francia le temperature di sabato 18 giugno 2022 sono state proprio quelle profetizzate per il 2050. Ecco il video del servizio:

Questo lo screenshot della previsione per il 2050

Queste invece le temperature di sabato scorso in Francia, riprese da Libero

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Luca Scialò

Sociologo, blogger, web writer. Amo il Cinema, l'Inter e ovviamente scrivere. Per collaborazioni, banner, segnalazioni o richieste: luca.scialo81@gmail.com Ricevi le News su Telegram senza censure Le voci di dentro su Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna all'indice