POMPEI COME ATLANTIDE

ALLAGATA DALLA PIOGGIA, RIEVOCA LA LEGGENDARIA ISOLA

Il destino sembra accanirsi ripetutamente su Pompei. Dopo essere stata distrutta da ceneri e lapilli sparate dal Vesuvio nel 79 d.c., ed essere oggetto di ripetuti crolli nel tempo – vuoi per la naturale fatiscenza dovuta al passar del tempo, vuoi per l’incuria di chi è preposto alla sua preservazione – ora i suoi scavi sono sottoposti ad un’ulteriore mortificazione. Ossia un allagamento dovuto alla pioggia.


SIMILE AD ATLANTIDE – Certo, forse sono esageratamente metaforici, ma lo sconforto che suscita il guardare certe immagini è tale che è difficile non esserlo.
Basilica_ok_100_0972_672-458_resizeSarà per il suo stile architettonico sommerso da pozzanghere d’acqua, ma a noi Pompei POMPEIoggi sembra Atlantide. Sì, proprio quell’isola leggendaria, che avrebbe conquistato molte parti dell’Europa occidentale e dell’Africa novemila anni prima del tempo di Solone, il cui mito è menzionato per la prima volta da Platone nei dialoghi Timeo e Crizia.

POMPEI CONTINUAMENTE MORTIFICATA – Già diverse sono le aree degli Scavi chiuse al pubblico da mortificanti transenne. E adesso, grazie a qualche ora continua di pioggia, se ne sono aggiunte altre. Pompei come Atlantide. Forse la prima non sarà sommersa dall’acqua come la seconda, ma dalla vergogna sì.

/ 5
Grazie per aver votato!

0 Risposte a “POMPEI COME ATLANTIDE”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna all'indice