Politici di destra che difendono famiglia tradizionale, ma sono i primi ad averla sfasciata: gli esempi più assurdi

Data ultimo aggiornamento: 31 Marzo 2019

Dio, Patria e famiglia. Questo ero lo slogan della Destra italiana di una volta, quella fascista e post-fascista. Quella che vedeva e vede la donna come una brava casalinga sforna figli senza troppe idee o grilli per la testa ed era contro divorzio ed aborto. Durante le campagne elettorali la difesa della famiglia tradizionale, quella cioè composta da un padre, una madre e figli in pieno stile Mulino bianco, fa parte del gioco. Ed è buona per tutte le stagioni. Quando ormai anche nel nostro Paese fatto di tradizioni e nostalgie, i divorzi e le separazioni impazzano. Mentre anche omosessuali e lesbiche hanno acquisito più diritti civili.

Ma loro continuano nella strenua retorica della difesa della famiglia. E alla fine la famiglia tradizionale sono stati anche loro a sfasciarla. Berlusconi, Salvini, Meloni, Formigoni, Bindi… Ecco qual è la loro disastrosa situazione [sta_anchor id=”verona”]famigliare[/sta_anchor].

Come stanno messi i politici che difendono la famiglia

1. Matteo Salvini

Partiamo proprio da lui, il leader di fatto del centrodestra. Matteo Salvini si fa paladino dei diritti della famiglia italiana. Bene. Forse perché lui ne ha formate tre: moglie e figlio; si separa e si fa una nuova compagna da cui ha una figlia. La molla e si fa una nuova compagna: la conduttride Rai Elisa Isoardi. Poi l’ha lasciata e si è fatto una nuova compagna, vent’anni più piccola di lui. Avrà un pargolo anche da lei? O approderà ancora su altre spiagge?

2. Silvio Berlusconi

Nelle sue ripetute campagne elettorali, non manca mai di mettere sullo sfondo della sua tranquillizzante libreria (chissà se quei libri li abbia letti anche per sbaglio qualche volta) foto dei figli. Quelle delle mogli o compagne è meglio di no. Ha avuto due figli dalla prima moglie, tre figli dalla seconda moglie ed ora ha una compagna di 46 anni meno di lui. Ah dimenticavo, c’è pure Dudù e tra una moglie e l’altra anche qualche olgettina.

3. Pier Ferdinando Casini

Casini sarà candidato del Pd a Bologna. Un democristiano in una delle città più rosse d’Italia. Ma forse non era quello che volevano Moro e Berlinguer negli anni ‘70. Vabè. Anche lui si è dato da fare: una moglie e due figlie. Divorzia. Altra moglie e due figli. Divorzia ancora.

4. Rosi Bindi

Lei ci crede così tanto alla famiglia che nel secondo Governo Prodi gli hanno dato l’incarico di Ministro per la famiglia. Peccato che non abbia marito, né compagno, né compagna, né figli. Ma si sa, in Italia le poltrone sono date per distribuire prebende, a prescindere da competenze e vita privata.

5. Roberto Formigoni

Lo chiamano “il Celeste”. Ed un motivo ci sarà. Ogni anno partecipa a quella farsa ipocrita di Comunione e Liberazione. Però lui predica la castità e forse la pratica davvero. Non ha partner ma solo un coinquilino. Pure lui ci tiene alla famiglia tradizionale, ma poi alla fine non l’ha creata.

6. Alessandra Mussolini

Alessandra Mussolini tiene così tanto alla famiglia da non cacciare di casa il marito, col quale ha avuto 3 figli. Il marito ha patteggiato dall’accusa di essere andato con prostitute minorenni.

7. Giorgia Meloni

E’ stata oggetto di polemiche anche Giorgia Meloni, per il suo manifesto elettorale in favore della famiglia “tradizionale”. Proprio lei che ha un compagno e una figlia e non è sposata.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Luca Scialò

Sociologo, blogger, web writer. Amo il Cinema, l'Inter e ovviamente scrivere. Per collaborazioni, banner, segnalazioni o richieste: luca.scialo81@gmail.com Ricevi le News su Telegram senza censure Le voci di dentro su Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna all'indice