PISAPIA E MARINO, SINDACI DI SINISTRA CHE SGOMBERANO I CENTRI SOCIALI

PISAPIA E MARINO, SINDACI DI SINISTRA CHE SGOMBERANO I CENTRI SOCIALI

IL PRIMO NE HA RIMOSSI 3 NEGLI ULTIMI 3 MESI, IL SECONDO NE HA SMANTELLATO GIA’ UNO A 3 MESI DALL’INSEDIAMENTO
In Italia ci sono tanti locali abbandonati a se stessi da anni e presi in gestione (sotto il termine poco amichevole di occupazione) da giovani che li utilizzano come luoghi di aggregazione per svolgere attività politiche e culturali. E proprio in quel momento che i Sindaci si accorgono di queste sedi abbandonate e fatiscenti, ordinando lo sgombero dei centri sociali costituitisi, con tanto di cariche della polizia. E se pensate che a farlo siano (solo) sindaci autoritari e intolleranti, vi state sbagliando. Sono anche quelli che prendono voti dalla sinistra moderata, parlano di ravvivare le città e di voler intraprendere tante iniziative culturali e sociali. Esempi eloquenti, perché sono Primi cittadini di due città molto importanti – Milano e Roma –Giuliano Pisapia e Ignazio Marino.

PISAPIA, 3 SGOMBERI NEGLI ULTIMI 3 MESI – Il 22 maggio l’amministrazione comunale della città meneghina ha ordinato lo sgombero del centro sociale ZAM –  Zona Autonoma Milano – esistente da 2 anni e tra i più vivi di Milano tramite concerti, spettacoli teatrali, proiezioni, incontri culturali, assemblee studentesche, una palestra popolare e dibattiti. Durante la carica della polizia, alcune persone sono rimaste ferite. I ragazzi dello ZAM nel pomeriggio si sono recati a Palazzo Marino, dato che il Sindaco non ha dato alcuna risposta alle loro richieste.
Due mesi dopo (intervallati da un secondo sgombero) è toccato all’ex Cinema Maestoso (sito a Piazzale Lodi, chiuso da 6 anni dopo più di 20 anni), trasformato in RiMake da alcuni collettivi dopo l’occupazione del 18 giugno. A farne le spese una ragazza manganellata alla testa. La polizia e i Carabinieri sono arrivati presto, intorno alle 7 del mattino, quando nello stabile non c’era nessuno ed hanno preso facilmente possesso della struttura. Man mano che la voce dello sgombero si è diffusa, sul posto sono cominciati ad arrivare alcuni degli occupanti ed altri attivisti che hanno iniziato a recuperare alcuni dei materiali all’interno dell’ex cinema. Ma poi nel corso della mattinata le pressioni dei celerini e della Digos, presenti in modo massiccio, hanno fatto aumentare la tensione. Fino a quando non è partita una carica contro i manifestanti che nel frattempo si erano spostati in Piazzale Lodi e su Via Isonzo bloccando il traffico. Gli agenti della polizia e i carabinieri hanno circondato i manifestanti caricandoli ed ha farne le spese è stata una ragazza che filmava con la telecamera, colpita violentemente alla testa mentre era di spalle. La manifestante ferita è stata caricata su un’ambulanza e portata in ospedale per essere medicata.
Per tutto il giorno davanti allo spazio sgomberato si è tenuto un presidio permanente, con vari interventi contro le politiche dell’amministrazione Pisapia che negli ultimi mesi ha impresso una sterzata autoritaria sul tema degli spazi sociali e culturali occupati.
MARINO APPROFITTA DEL FERRAGOSTO– Più o meno come i padroni della Firem di Formigine, che hanno approfittato del weekend ferragostano per smantellare i macchinari della fabbrica e fuggire al trove, sindaco e prefetto di Roma hanno usato la rilassatezza inevitabile del momento per sgomberare con il minimo sforzo – e di resistenza, oltre che di impatto mediatico – il centro sociale Communia, nel quartiere di SanLorenzo, a ridosso dell’università La Sapienza.
In via dei Sabelli, la polizia si è presentata in forze per “prendere possesso” dell’edificio occupato lo scorso 7 aprile. Lo stabile delle ex Fonderie Bastianelli, in questo periodo di occupazione, era stato riconvertito in alloggi, mensa, spazio per sport popolare, luoghi per iniziative, eventi, una sala studio, mostre fotografiche e sportelli di consulenza legale e psicologica.
Con l’evidente intenzione di mostrare tutti i muscoli e il nessun cervello che il governo attuale possiede (sia a livello nazionale che locale) la polizia ha chiuso completamente la strada e fermato 7 ragazzi.
Nei mesi scorsi la “pressione” sugli occupanti si era concretizzata in numerose “ispezioni” per verificare l’agibilità dell’edificio; un’attenzione molto “mirata” e non esercitata su migliaia di altri stabili romani, “legalmente” abitati senza che gli inquilini siano a conoscenza dei rischi. A nulla è valsa neppure la risistemazione dei marciapiedi in via dei Sabelli, fatta dagi occupanti, rimessi a disposizione di tutti i residenti, in seguito alle denunce di degrado sporte proprio dai giovani di “Communia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
Torna all'indice