La creatura marina che somiglia ad un Pokémon: dove si trova

E’ proprio il caso di dire…scherzi della natura. La quale ci regala, con la sua instancabile fantasia e varietà, sempre nuove e meravigliose sorprese. Come la pecora di mare (o lumaca di mare) che somiglia ad un Anime giapponese. In particolare, ad un Pokémon.

Il nome preciso è Costasiella kuroshimae, conosciuta anche come leaf sheep, traducibile in pecora di mare. Il quale deriva dal fatto che si nutre solo di vegetali e anche il volto è identico a quello di una pecora.

A caratterizzare questa creatura marina, oltre alla vaga somiglianza con una pecora, è che ha un corpo verde incredibile e luccicante. Meritandosi anche l’appellativo di Pokemon di mare.

Ecco alcune foto della pecora di mare e dove si trova.

Dove si trova pecora di mare che somiglia a Pokémon

pecora di mare anime

Come riporta Si viaggia, possibile apprezzarle nell’oceano ma ad un’altezza dove la luce solare può ancora penetrare (tra i 9 e i 18 metri sotto l’oceano) e negli ambienti di ricchi di vegetazione.

Si trova nei pressi delle barriere coralline e per poterla apprezzare occorre seguire la scia dell’Avrainvillea, un’alga della quale va ghiotta. Senza allontanarsi se vedono un essere umano. Quindi potreste anche fotografarla senza problemi particolari.

La pecora di mare è stata scoperta per la prima volta nel 1993 nell’isola giapponese di Kuroshima, ma oggi vive in tutta l’Asia. Molti avvistamenti sono avvenuti a Singapore, in Thailandia e nel Triangolo dei coralli.

Ma anche nelle regioni settentrionali delle Filippine, vicino ai coralli di Anilao nella provincia di Batangas, sui fondali di Dauin e sotto le scogliere della provincia insulare di Camiguin.

Il periodo migliore per avvistarle è durante i mesi da dicembre a maggio, quando le acque sono calme e la stagione dei tifoni è terminata.

Pecora di mare foto

lumaca di mare anime dove si trova

Le pecore di mare subiscono la fotosintesi. Queste creature marine che somigliano ai Pokémon producono infatti la propria energia come fanno le piante. Trattengono i cloroplasti dal cibo di cui su nutrono.

E ciò gli conferisce colori vivaci e brillanti davvero unici al mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
Torna all'indice