Crea sito

Ospedali ricevono soldi per ogni ricovero Covid-19: le prove

Data ultima modifica: 1 Novembre 2020

In Italia torna l’incubo Lockdown, alla luce dell’aumento esponenziale dei contagi da Covid-19 e dei ricoveri ospedalieri.

Pur avendo avuto 8 mesi per mitigare il problema, conscio che in autunno ci sarebbe stata una seconda ondata, il Governo Conte bis non ha messo in atto la minima contromisura. In nessun settore: dalla digitalizzazione della burocrazia all’informatizzazione della scuola, passando per maggiori controlli sulla movida e il potenziamento del personale sanitario. fino ad un incremento del trasporto pubblico. Giusto per citare qualche misura.

Del resto, i paesi occidentali in questi anni hanno smantellato il Welfare state in nome del neoliberismo. Ed ora fanno fatica a tornare sui propri passi. Non a caso, anche gli altri Paesi europei si apprestano ad imporre nuovi Lockdown. Generalizzati o localizzati che siano.

Rinchiudere la gente in casa è la soluzione più semplice per mascherare le proprie incapacità.

Ma dietro i ricoveri ospedalieri ci sarebbe un vero e proprio business. Come dimostrano questi [sta_anchor id=”ricoveri”]fatti[/sta_anchor].

Ospedali ricevono soldi per ricoveri Covid-19

covid-19 numero ricoveri

Come riporta Oltretv, a denunciarlo su Libero è Guido Bertolaso. Ex capo della Protezione civile, uomo simbolo del Governo Berlusconi IV, redivivo dopo le assoluzioni giudiziarie, una mancata elezione a Sindaco di Roma e il Covid-19 che colpì pure lui nella sua prima fase più acuta. Proprio quando cominciava a dirigere i lavori dell’ospedale Fiera di Milano. Il quale ha il compito di alleggerire il lavoro degli ospedali lombardi.

Per l’ex capo della Protezione Civile, l’alleggerimento degli ospedali italiani gravati dal Covid-19 non avviene perché, come dimostra il Diagnosis related groups (Dgr), che classifica e quantifica la retribuzione che spetta agli ospedali per ogni ricovero, ogni ospedale ricevere 2mila euro per paziente Covid-19 ricoverato dalla propria Regione.

Più precisamente:

Un ospedale con 100 malati di Covid in reparto riceve dalla propria Regione, e quindi dallo Stato, 200.000 euro quotidiani

Dunque Bertolaso si chiede:

Come si può pensare che spontaneamente i vari ospedali si privino di malati di Covid per mandarli altrove?

Ma a parlarne non è solo Bertolaso.

L’Autorità Nazionale Anticorruzione (Anac) ha pubblicato questo rapporto:

covid-19 soldi per ricoveri

La Campania, con i suoi 76mila euro per contagiato, rappresentava sicuramente il dato più anomalo.

Dopo troviamo la Toscana con circa 40mila euro per contagiato mentre la Lombardia, che ha avuto il maggior numero di contagi, conta una spesa di 5mila euro per contagiato.

Nel rapporto cercano di giustificare questa discrepanza con «l’alta incidenza di accordi quadro sulla spesa complessiva regionale, pari al 90,4% per la Toscana e al 73,2% per la Campania».

Cirielli Edmondo di Fratelli d’Italia ha aperto un’interrogazione parlamentare, con queste motivazioni:

Si tratta di dati incredibili che pongono legittimi dubbi sull’efficienza, la regolarità della gestione e la trasparenza dell’amministrazione De Luca, già protagonista di svariate inchieste giudiziarie sull’emergenza Covid

A stilare un elenco del prezzario ci pensa anche il Dottor Roberto Petrella, ex medico dell’Asl di Teramo. Peraltro, già querelato dagli infermieri dell’Opi di Teramo per un video del 7 ottobre. Dove Petrella denuncerebbe la scarsa professionalità degli infermieri di eseguire i tamponi.

Questo invece è il video del prezzario sui ricoveri da Covid-19 pubblicato da Petrella sul proprio profilo Facebook:

Petrella parla di soldi elargiti dalle multinazionali del Farmaco, schermati tramite conti svizzeri.

Luca Scialò

Pubblicato da Luca Scialò

Sociologo, blogger, web writer. Amo il Cinema, l'Inter e ovviamente scrivere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.