Omicron, dal Sudafrica: ‘mi chiesero di dire che era pericolosa’

Omicron, dal Sudafrica: ‘mi chiesero di dire che era pericolosa’

Introduzione

La variante Omicron del Covid-19 è passata dall’essere molto pericolosa a versione che porterà la fine della Pandemia. Per il fatto che colpisce solo le parti iniziali delle vie respiratorie e non arriva ai polmoni e perché è più facilmente trasmissibile. Dunque, avrebbe indebolito il nuovo coronavirus per la legge dell’immunità di gregge.

Dal Sudafrica, però, ci hanno sempre fatto capire che Omicron non fosse pericolosa. Il Governo si disse sorpreso della chiusura dei voli da e per il paese da parte di molti Stati.

Ma ora, sempre dal Sudafrica, arriva un’altra notizia che ha del clamoroso: Angelique Coetzee, scienziata sudafricana che ha sempre detto che intorno ad Omicron si era creato troppo allarmismo, ora rivela che dall’Europa gli avevano chiesto di mentire. E dire che invece fosse pericolosa.

Ecco i particolari.

Le bugie su Omicron

Come riporta il sito di Nicola Porro, Angelique Coetzee, in una intervista al Welt e al Daily Telegraph, ha detto:

Mi è stato chiesto di non dichiarare pubblicamente che si trattava di una malattia lieve. E di dire che eravamo di fronte ad una malattia grave (…) Io ho rifiutato perché dal quadro clinico non vi erano indicazioni che si trattasse di una malattia molto grave. Il decorso è per lo più mite. Non sto dicendo che si ammalerà nessuno. Ma la definizione di malattia lieve da Covid-19 è chiara, ed è una definizione dell’OMS: i pazienti possono essere curati a casa e non hanno bisogno di ossigeno o di ricovero

Poi rispose indignata:

Ho detto: ‘Non posso affermarlo perché non è quello che sto osservando’

I paesi che hanno chiesto al Sudafrica di mentire su Omicron

Chi voleva far mentire la Coetzee? I paesi europei. In particolare:

Sono stata criticata dai Paesi europei (…) In particolare Paesi Bassi e Regno Unito, ma non solo. Quello che ho detto a un certo punto, perché ero solo stanca, è stato: in Sud Africa questa è una malattia lieve, ma in Europa è molto grave. Era ciò che i politici Ue volevano sentire

Ricordiamo che Angelique Coetzee non è una scienziata qualunque. E’ infatti Presidente del South African Medical Association (Sama). Professionisti con scrupoli, che ricoprono ruoli delicati, e, proprio per questo, mantengono una loro serietà e morale. A differenza di molti italiani, europei e americani

Conclusioni

Cos’altro aggiungere? Le verità spesso vengono a galla, sebbene con ritardo. Quando la popolazione è già stata danneggiata. Per esempio, con restrizioni e divieti che danneggiano psiche, socializzazione e (paradossalmente) il sistema immunitario, oltre che l’economia in generale. Per non parlare del Super green pass e della vaccinazione di massa, estesa anche ai bambini.

Tutte politiche che di sanitario hanno ben poco. Ma sanno molto di controllo politico.

Qualcuno in Italia sta iniziando a prendere le distanze, come Matteo Bassetti, con dichiarazioni sempre più spiazzanti. Alla luce della linea rigorista che tiene da mesi. Si è rinsavito o vuole scendere dal carro prima che la carrozza si fermi definitivamente?

Chissà che non lo vedremo candidato da qualche parte o in qualche reality show. Perché quando le luci dei riflettori si spegneranno, sarà difficile ritornare alla vita di prima.

Ricevi via mail le news che i Tg non riportano (controlla anche in Spam)

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Luca Scialò

Sociologo, blogger, web writer. Amo il Cinema, l'Inter e ovviamente scrivere. Per collaborazioni, banner, segnalazioni o richieste: luca.scialo81@gmail.com Ricevi le News su Telegram senza censure Le voci di dentro su Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna all'indice