La morte dell’ Mp3: storia di una tecnologia che segue il destino di vinile, musicassetta e Cd

La morte dell’ Mp3: storia di una tecnologia che segue il destino di vinile, musicassetta e Cd

La mia generazione è quella che ha vissuto il passaggio dal Cd all’ Mp3. Il vinile ci sembrava roba dei nostri genitori, la musicassetta legata alla generazione precedente e vista durante l’infanzia, il Cd la nuova tecnologia regnante quale dispositivo musicale e il formato Mp3 quella che finì per scalzarla alla fine degli anni ’90. La cosiddetta musica “liquida”, immateriale, da scaricare sul web e da ascoltare tramite un lettore che diventerà sempre più piccolo e tascabile. Gli Mp3 ci hanno accompagnato per tutti gli anni 2000, in autobus, treno, aereo, in macchina. Con le autoradio capaci di leggere una semplice chiavetta senza più costringerci a masterizzare i cd. Oppure, utilizzando Cd riscrivibili che sovrascrivevamo di volta in volta, zeppi di brani in formato Mp3, senza dover inondare la nostra auto di compact disc.

Con gli Mp3 si realizzava il sogno Hippy

mp3 simboloCon gli Mp3 si realizzava un sogno dei figli dei fiori tra gli anni ’60 e ‘70: la musica vagava nell’aria, libera, gratuita. In barba a copyright, SIAE, scaricata in pochi minuti (se non secondi per chi godeva di connessioni veloci) da programmi come eMule o Torrent. Ciò ha portato ovviamente anche a risultati nefasti, come avviene per ogni nuova tecnologia. Ovvero alla crisi di vendite di dischi, alla propensione da parte dei musicisti di produrre sempre più musica spazzatura “usa e getta”, al rincaro dei prezzi dei concerti con cui questi ultimi si rifanno dagli introiti in calo. Tutto ha un prezzo. E se l’Mp3 non ce l’ha (salvo se lo si acquista tramite canali legali ovviamente), a pagare quello più caro è stato l’intero sistema. Si ricorderà la famosa diatriba tra il sito Napster (primo ad offrire Mp3 gratuitamente) e i Metallica. I quali vinsero la causa, costringendo Napster alla chiusura. Ma eravamo nel 2000 e, oltre al nuovo Millennio, iniziava un nuovo mondo contro cui nessun gruppo o cantante avrebbe potuto più combattere. La Musica free aveva perso la battaglia, ma a breve avrebbe vinto la guerra.

Cosa sostituirà l’Mp3

Ma ora anche l’Mp3 deve deporre le armi. O, se preferite, gli strumenti. Come riporta LaRepubblica, il Fraunhofer Institute for Integrated Circuits, che ha contribuito fortemente allo sviluppo del formato, ne ammette l’inadeguatezza ai tempi. “Esistono codec migliori ormai, i sistemi moderni usano l’AAC e arriverà l’MPEG-H. Sistemi che porteranno maggiore qualità audio a bitrate inferiori“.  E poi c’è la questione del modello psicoacustico non molto preciso nella gestione delle frequenze, come rilevano osservatori tecnici. Come dire, il futuro è dello streaming, non dei file in una cartella dell’hard disk.

”Non sono offeso” commenta Leonardo Chiariglione, l’ingegnere torinese considerato il ”papà” dell’MPEG. ”Superato indica una valutazione di merito, – spiega – mentre invece l’Mp3 ha il suo valore: ci sono miliardi di brani musicali che sono stati codificati in Mp3, continua a essere il formato preferito per lo scambio di file audio, contemporaneamente sono stati fatti progressi continui dal punto di vista tecnologico. Ma questo non significa che un nuovo formato scalza quello precedente.”

D’altronde, la tecnologia fa appunto passi da gigante e ora strizza l’occhio alla realtà virtuale. All’esperienza immersiva guarda anche Chiariglione, senza bisogno di archiviare per forza il passato.

”L’ultimo standard che abbiamo rilasciato dell’audio 3D – spiega ancora l’ingegnere – permette a uno studio di avere un numero arbitrario di microfoni e a un ricevitore di avere parimenti un numero arbitrario di altoparlanti e non è detto che le posizioni dei due debbano essere uguali: uno studio può avere ventidue microfoni e il ricevitori soltanto cinque. Lo standard adatterà automaticamente questa enorme mole di informazioni trasmessa dallo studio in modo tale che sia riproducibile con la massima fedeltà compatibile con un sistema 5.1″.

Insomma, – conclude Chiariglione –

”la persona che si ascolta l’audio con il suo stereo, continuerà ad usare con l’Mp3. Mentre se si vuole avere un’esperienza immersiva – si parla tanto di realtà virtuale – ecco, in questo caso l’Mp3 sarà un po’ deboluccio”.

George Michael, le dieci canzoni più belle e famose del cantante

E’ un po’ come quando arrivò la musicassetta, ma chi voleva, continuava ad ascoltare i vinili. O quando giunse il cd, ma volendo si poteva continuare ad ascoltare nostalgicamente le musicassette. E, infine, arrivarono gli Mp3 ma acquistavamo e utilizzavamo ancora il disco in cartone e plastica. La tecnologia ci offre nuove possibilità, certamente qualitativamente più comode e migliori nella fruizione. Ai quali dovremmo adeguarci per sfruttare appieno le nuove possibilità, senza però mai vietarci il gusto di tornare a quelle tecnologie che, ignari di quanto ci aspettava in futuro, utilizzavamo nei migliori anni della nostra vita.

Il vero problema, semmai, sarà quello di trovare nuova musica decente da ascoltare. Lì la tecnologia potrà fare miracoli fino ad un certo punto.

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Luca Scialò

Sociologo, blogger, web writer. Amo il Cinema, l'Inter e ovviamente scrivere. La mail per contattarmi: luca.scialo81@gmail.com Ricevi le News su Telegram senza censure Le voci di dentro su Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna all'indice