Il mistero dei neonati nati senza braccia: dove accade e possibili motivi

DATA ULTIMO AGGIORNAMENTO: 22 Novembre 2020

I neonati, si sa, sono una gioia immensa. Lo ripete spesso pure il leader in aspettativa del Movimento cinque stelle Di Battista, che continua a dire che “quando ti nasce un figlio” ti cambia tutte le priorità. Certo, lui può permettersi di prendersi qualche tempo per girare il mondo, visto che ha preso per cinque anni lo stipendio da parlamentare (pur se dimezzato, come previsto dallo statuto dei Cinquestelle).

Ma Di Battista a parte, i neonati sono il nostro futuro e a loro lasciamo questo vecchio e pazzo mondo. Poi ci sono paesi come l’Islanda, che hanno deciso di sopprimere nel feto quelli a cui è stata diagnosticata la sindrome di down. Così da eliminare il problema alla fonte ed evitare un problema sociale e sanitario a familiari e collettività. Scelta discutibile, sebbene non si possa giudicare chi non se la sente di affrontare una situazione così grande.

Tutti poi abbiamo impressi nella mente le immagini dei neonati di Cernobyl, nati con gravi malformazioni dovute alle radiazioni sprigionate dal reattore della centrale nucleare. Trenta e passa anni fa.

Ma ci sono anche malformazioni che restano inspiegabili. Come il caso che riporto di seguito.

Francia, il mistero dei neonati nati senza braccia

neonati senza braccia

Come riporta MSN, si tratta di un mistero “intollerabile” che ora Parigi vuole risolvere, aprendo una nuova inchiesta concentrata anche su possibili cause ambientali. Così la Francia ha aperto un’indagine a livello nazionale sui casi dei bimbi nati senza braccia o con malformazioni agli arti dopo le diverse segnalazioni emerse. Lo ha riferito a radio Rtl Francois Bourdillon, a capo dall’Agenzia per la sanità pubblica, spiegando che i risultati dell’inchiesta saranno resi noti tra “circa tre mesi”.

Alcuni casi di bambini nati senza mani, braccia o avambracci sono stati registrati nell’Ain, a est di Lione, (18 nascite tra il 2000 e il 2014), in Loire Atlantique, nord-ovest, (3 nascite tra il 2007 e il 2008) e nella Bretagna (4 nascite tra il 2011 e 2013), ogni volta all’interno di un’area ristretta. In una prima indagine, l’agenzia sanitaria pubblicata francese ha concluso all’inizio di ottobre che il numero di casi di Ain non era statisticamente superiore alla media nazionale. Al contrario, c’era stato invece un eccesso di casi in Loire-Atlantique e in Bretagna ma senza alcuna causa identificata. Secondo quanto riportato da alcuni ricercatori, la maggior parte delle famiglie coinvolte nei casi abita in zona rurali.

Secondo la ministra Buzyn, in Francia ci sono “tra 80 e 100 nascite all’anno con malformazioni degli arti”. Le cause possono essere genetiche, legate a vincoli fisici o a causa di sostanze tossiche (cibo, l’ambiente o i farmaci come nel caso del Talidomide, l’anti-nausea che aveva portato alla nascita di migliaia di bambini senza braccia tra il 1957 e il 1962).

Per alcuni ambientalisti, come Yannick Jadot, i pesticidi potrebbero essere la causa delle malformazioni, anche se non ci sono prove scientifiche.

Insomma, il mistero resta.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Indice argomenti