Maneskin, Zitti e buoni somiglia a 2 brani

Maneskin, Zitti e buoni somiglia a 2 brani

Introduzione

Periodo d’oro per i Maneskin. Come noto, la loro Zitti e buoni, dopo essersi aggiudicata il Festival di Sanremo, ha bissato all‘Eurovision contest. E’, per usare una metafora calcistica, come se avessero vinto Scudetto e Champions league.

Non solo. Sempre utilizzando una metafora calcistica, si stanno pure aggiudicando la Coppa Intercontinentale, dato che la loro I wanna be your slave sono arrivati primi nella classifica di Billboard “Hot Hard Rock Songs. Dopo ben 3 settimane di permanenza.

Il brano aveva già spopolato nel Regno Unito, dove, come riporta LaRepubblica, la band risulta essere la prima italiana a essere inserita nella top ten britannica. Il brano ha raggiunto la posizione #1 della Viral 50 di Spotify mentre Zitti e buoni la #2.

Ed ancora, entrambi i brani sono inoltre presenti nelle Top 50 di Spotify di più di 46 Paesi e nella Top 50 Global di Shazam, con anche il brano Beggin.

Tutto bello insomma. Peccato che la band romana, che ha ripreso uno stile estetico e sonoro tipico del rock anni ’70, aggiungendoci una venatura rabbiosa stile rock anni ’90, sia stata doppiamente accusata di plagio per il brano Zitti e buoni.

Ecco a quali due canzoni somiglierebbe.

Zitti e buoni dei Maneskin a quale canzone somiglia

maneskin zitti e buoni plagio

La prima accusa di plagio subita dai Maneskin per Zitti e buoni era partita da una analisi di Dade dei Linea77, il quale aveva evidenziato la somiglianza con il brano F.D.T. (acronimo di Fuori di Testa) (titolo che spesso viene anche erroneamente attribuito al brano complice il ritornello.) di Anthony Laszlo. Pubblicato nel 2015 con un’etichetta indipendente.

La Sony ha disposto tanto di perizia che aveva fugato ogni dubbio (almeno ufficialmente). Puoi leggerla su Il fatto quotidiano.

Ma in questi giorni è arrivata una seconda accusa di plagio. Come riporta Vesuvius, il brano in questione è del 1992: You want it, you got it del gruppo olandese The Vendettas.

E a muovere qualche sospetto è stato proprio il leader della band olandese: il 55enne Joris Lissens:

Ho avuto l’impressione di sentire un riff della mia band. Mi chiedo se questo sia un plagio

in una intervista a RTL Boulevard.

Accuse ingiuste? Chissà. Di seguito propongono il confronto coi due brani, reperiti da Youtube.

Zitti e buoni dei Maneskin Vs Fuori di testa di Lazlo

Zitti e buoni dei Maneskin Vs You want it, you got it dei The Vendettas

Conclusioni

Cosa dire. E’ sempre più difficile fare brani originali, visto che si fa musica fin dalla preistoria, sebbene l’industria discografica abbia “solo un secolo di vita. Districarsi tra 100 anni e miliardi di brani pubblicati per proporre qualcosa di originale al 100 per 100 è molto, ma molto difficile.

Non resta che sperare che i Maneskin continuino nel loro successo, magari trovando una strada indipendente e che non ossequi solo quello che impone il mercato. Purtroppo, anche con influenze da parte della questione di genere. Come sembra accadere per loro, così come per tanti nuovi artisti lanciati sul mercato (vedi Madame o più indietro Lady Gaga). Per non parlare di quanto sta accadendo nel Cinema.

Pubblicato da Luca Scialò

Sociologo, blogger, web writer. Amo il Cinema, l'Inter e ovviamente scrivere. La mail per contattarmi: [email protected] Ricevi le News su Telegram senza censure Le voci di dentro su Telegram

Una risposta a “Maneskin, Zitti e buoni somiglia a 2 brani”

  1. Speriamo che qualcuno invece di accusarli di plagio spacchi loro la faccia.. Solo in iTALIA ED IN QUESTO ORRIBILE MOMENTO STORICO questi mostri potevano avere successo. Oggi piace l’ORRIDO.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
Torna all'indice