Crea sito

Lupi, altro che mangia uomini e pecore: i falsi miti da sfatare

Nell’immaginario collettivo, fomentato fin dall’infanzia da favole e leggende che li vede nelle vesti di pericolosi aggressori, i lupi sono considerati animali pericolosi, da evitare, magari uccidere preventivamente. Avendogli sottratto sempre più spazio, ce li ritroviamo alle porte delle città, nelle campagne, alla disperata ricerca di cibo. E così in Italia è in corso un’autentica strage di lupi: nel triennio 2013-15 in Italia sono stati trovati morti per cause non naturali ben 114 lupi, più del 40% dei quali ucciso con armi da fuoco (23,7%), avvelenato (10,5%) o torturato con i lacci (6 %). Il restante 45,6% dei decessi è per investimento stradale, il 13,2% per motivi incerti e meno dell’1% per aggressione da parte di altri canidi. Ma c’è chi non ci sta, e vuole sfatare questo mito del lupo cattivo.

Al via la campagna #Salviamofratellolupo: i miti da sfatare

lupiPer questi motivi la campagna #Salviamofratellolupo lanciata dal Parco della Majella vuole sfatare alcuni miti per far conoscere meglio questa specie.

  1. Primo mito da sfatare, quello secondo il quale i lupi sono stati reintrodotti in Italia. Falso: i lupi possono percorrere decine di km al giorno e così stanno ricolonizzando da soli le aree in cui vivevano un tempo, grazie alle leggi di conservazione, al divieto di caccia e all’istituzione dei parchi. Praticamente estinti in Italia agli inizi degli anni ’70, oggi hanno una popolazione che supera i 1.500 esemplari.
  2. I lupi aggrediscono gli uomini. Falso: come la maggior parte degli animali selvatici temono l’uomo. Negli ultimi 200 anni in Italia non è stata registrata nessuna aggressione ai danni dell’uomo da parte di un lupo.
  3. I lupi mangiano soprattutto le pecore. Il 90% della dieta di un lupo è costituita da animali selvatici, come cinghiali e caprioli, contribuendo al contenimento della popolazione di queste specie. È anche vero che il lupo è un predatore opportunista e se trova una pecora incustodita preferisce cibarsi di questa piuttosto che affrontare un cinghiale agguerrito, ma recinzioni elettriche e cani da pastore sono ottimi deterrenti e dove le greggi vengono opportunamente accudite la predazione da parte dei lupi è praticamente assente. Per difendere la pastorizia bisogna riaprire la caccia al lupo: è un grave errore.

SAPEVI CHE IL CARTONE MASHA E ORSO DERIVA DA UNA FAVOLA HORROR? ECCO LA STORIA ORIGINARIA

Uccidere i lupi è controproducente per salvare la pastorizia

lupi cosa mangianoLa letteratura scientifica prodotta in questi anni dimostra che quando i lupi diminuiscono, gli esemplari rimasti soli, e quindi più deboli e meno efficienti nella caccia rispetto ad un branco organizzato con le gerarchie sociali, si isolano e preferiscono predare pecore incustodite rispetto ad animali selvatici. Falso anche che, se non si cacciano, i lupi aumenteranno all’infinito: la presenza dei lupi è direttamente legata alla disponibilità di territorio e di prede da mangiare, una volta raggiunta la popolazione ideale interviene la selezione naturale che riequilibra il numero degli esemplari presenti.

Inoltre la crescita demografica di questa specie è tenuta sotto controllo anche dal fatto che all’interno di un branco si riproduce solo una coppia e una sola volta l’anno. Altra credenza sbagliata quella secondo la quale il lupo sottrae prede ai cacciatori: una popolazione di lupi in buona salute è compatibile con una popolazione di prede in buona salute.

Luca Scialò

Pubblicato da Luca Scialò

Sociologo, blogger, web writer. Amo il Cinema, l'Inter e ovviamente scrivere

Una risposta a “Lupi, altro che mangia uomini e pecore: i falsi miti da sfatare”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.