L’ETA ANNUNCIA L’ADDIO ALLE ARMI, QUANTO DURERA’?

L’ETA ANNUNCIA L’ADDIO ALLE ARMI, QUANTO DURERA’?

IL GRUPPO ARMATO SEPARATISTA SPAGNOLO HA ANNUNCIATO MEDIANTE UN VIDEO-MESSAGGIO LA FINE DELLA PROPRIA ATTIVITA’, AUSPICANDO PERO’ UN DIALOGO TRA FRANCIA E SPAGNA PER LE SORTI DEL TERRITORO BASCO

Dopo quasi mezzo secolo di violenza e di sangue con oltre duemila morti, il gruppo terroristico spagnolo ETA – Euskadi Ta Askatasuna (in spagnolo País Vasco y Libertad, letteralmente “paese basco e libertà”) – attivo da 53 anni, ha annunciato la cessazione della propria attività. Il gruppo armato, in un video-comunicato letto da tre incappucciati inviato al quotidiano basco Gara, ha dichiarato «la cessazione definitiva della sua azione armata» e invitato i governi di Spagna e Francia ad aprire «un dialogo diretto» per trovare una soluzione alle «conseguenze del conflitto».
A pesare su questa scelta, probabilmente, due ragioni tra loro opposte: l’ondata di arresti degli ultimi anni in Francia e Spagna, che ha indebolito sensibilmente l’organizzazione; il successo alle amministrative di maggio delle liste della sinistra radicale indipendentista Abertzalè, che con la coalizione Bildu avevano ottenuto centinaia di eletti e preso ai socialisti la città di San Sebastian. Una sorta di “normalizzazione” e “istituzionalizzazione” delle ragioni indipendentiste.
Forse, in vista delle prossime elezioni politiche che si terranno in Spagna il prossimo novembre, gli indipendentisti sperano di ottenere un buon numero di seggi anche in Parlamento, apparendo così per molti un partito affidabile e che ormai ha estinto ogni collegamento con il terrorismo.


STORIA E RAGIONI DEL MOVIMENTO – La storia dell’ETA comincia alla fine degli anni cinquanta, più precisamente nel 1958, quando un gruppo di giovani studenti nazionalisti fonda l’Euskadi ta Askatasuna (“Paese Basco e Libertà”). Il primo attentato avviene il 7 giugno del 1968, quando viene uccisa la guardia civile José Pardines; il 2 agosto dello stesso anno viene ucciso Melitón Manzanas, dirigente della Brigada Social (polizia politica) di Guipúzcoa.
L’organizzazione propugna, attraverso il ricorso ad azioni violente, l’indipendenza politica della comunità basca e la creazione di uno Stato socialista denominato Euskal Herria. Tale Stato comprenderebbe le tre province dell’attuale comunità autonoma spagnola di Euskadi (Vizcaya, Guipúzcoa e Álava), la comunità autonoma di Navarra e le tre province basche del sud ovest della Francia. Per un totale di sette province. Il sentimento di identità nazionale presente in queste regioni è in gran parte dovuto alla lingua basca, un idioma apparentemente estraneo alla matrice indoeuropea e di cui tuttora non si conoscono le radici etimologiche.
Il suo simbolo è un serpente che si avvolge attorno ad un’ascia; accanto vi è il motto Bietan jarrai (“perseguire entrambi”), riferito al perseguimento della lotta politica e di quella armata, attraverso i valori di patria e libertà.
I membri di ETA vengono comunemente chiamati etarras (singolare: etarra), un neologismo creato dalla stampa spagnola unendo il nome stesso dell’organizzazione col suffisso usato in euskera per denominare gli abitanti di una data località (in italiano suonerebbe come “etani” o “etesi”). Altri termini comunemente usati sono: liberado, che indica un mercenario che presta servizio alla banda dietro compenso, e legal, che indica chi non è stato ancora schedato dalla polizia.

VITTIME – Si calcola che le vittime dell’ETA dalla sua fondazione siano state più di 2000 (più di mille mediante attentati, oltre 800 le persone assassinate con singole esecuzioni). L’ultimo omicidio risale al il 7 marzo 2008, vittima Isaías Carrasco, ex consigliere comunale del Partito Socialista Basco, ucciso fuori dalla sua abitazione a Mondragón, nei Paesi Baschi. Mentre l’omicidio più rilevante fu quello del 20 dicembre 1973, data in cui fu assassinato l’ammiraglio Luis Carrero Blanco, capo del governo e successore designato del generale Francisco Franco, che aveva spazzato via nel lontano 1942 l’autonomia basca.

Quanto è attendibile la fine delle ostilità da parte dell’ETA? Probabilmente si potrà capire qualcosa di più dopo le elezioni politiche spagnole del prossimo novembre, che determineranno un nuovo assetto parlamentare che potrebbe essere tanto ostile quanto vicino alle ragioni dei separatisti. Dunque, le possibilità che l’organizzazione basca torni in azione restano comunque notevoli poiché molto dipende dalle risposte che darà loro la politica. E non ci pare che Spagna e Francia siano disposte a concedere loro la tanto sospirata indipendenza.

(Fonti: Unità, Wikipedia)

0 Risposte a “L’ETA ANNUNCIA L’ADDIO ALLE ARMI, QUANTO DURERA’?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna all'indice