Crea sito

Nuova legge sul Copyright, cosa cambia e quali rischi

L’Unione europea ha approvato martedì 26 marzo una nuova legge sul copyright che cambierà Internet. Il problema è che nessuno sa esattamente come.

Il Parlamento europeo ha approvato martedì una revisione delle leggi sul copyright del blocco che rende le piattaforme come Google (GOOGL) YouTube responsabili delle violazioni commesse dai loro utenti.

I legislatori europei hanno affermato che il loro obiettivo era rendere Internet meno di un “selvaggio west”, dove musicisti, editori e altri creatori di contenuti non sono stati equamente compensati per il lavoro che è stato condiviso online.

L’Unione europea ha appena superato le nuove regole sul copyright che Big Tech odia. Mentre molte delle grandi società tecnologiche colpite dalla legge dicono che è vago e scritto male. Loro avvertono che saranno costretti a sorvegliare eccessivamente la rete per assicurarsi che non infrangeranno le nuove regole.

Gli attivisti di Internet, gli accademici e alcuni avvocati di copyright si sono uniti alle aziende tecnologiche per avvertire che le regole sono troppo ampie e potrebbero limitare le informazioni online.

Ma vediamo cosa cambia e quali sono i pericoli innescati dalla nuova legge sul copyright approvata da [sta_anchor id=”copy”]Ue[/sta_anchor].

Legge Copyright cosa dice

legge copyright

Cosa dice la nuova legge sul Copyright? Come spiega la CNN, il problema con l’articolo 13 di una sezione della nuova legge sul copyright – comunemente noto come articolo 13 – è particolarmente controverso. Nella versione finale, è diventata articolo 17. Si cerca di spostare la responsabilità per proteggere i diritti di artisti e scrittori su piattaforme come YouTube.

Le aziende tecnologiche dovrebbero impedire il caricamento di materiale protetto da copyright o cercare licenze da coloro che le hanno create.

“[Questo] impone oneri sulle piattaforme che sono fondamentalmente irraggiungibili”, ha detto Hayleigh Bosher, che insegna diritto di proprietà intellettuale presso la Brunel University in Londra. Le nuove regole fanno un’eccezione per alcuni tipi di contenuti come parodie, recensioni e meme, ma i critici dicono che la formulazione non è abbastanza specifica da stabilire confini efficaci.

“La versione finale della direttiva lascia molti punti interrogativi .. I tribunali nazionali e in definitiva [la Corte di giustizia europea] dovranno rispondere a una serie di domande “

ha dichiarato Morten Petersenn, esperto di copyright e partner dello studio legale Hogan Lovells.

Gli esentati dall’obbligo di controllo sono le medie imprese, o le piccole attive da anni. Chi vorrà competere, dovrà riuscire a farlo attrezzandosi adeguatamente. Sebbene gli obblighi sono meno stringenti rispetto agli intenti iniziali.

Legge Copyright rischi

legge copyright rischi

Quali sono i rischi della nuova legge sul Copyright? Le aziende dei social media dicono anche di non avere la tecnologia per filtrare correttamente l’enorme volume di contenuti che vengono caricati ogni giorno sui loro siti. Invece, costruiranno filtri che bloccano qualsiasi cosa sospetta.

“Abbiamo visto più e più volte che la tecnologia non è ancora lì per essere in grado di decidere quando è e non è una violazione del copyright”

ha detto Bosher.

“Gli algoritmi sono non è in grado di dire, ‘ah, questo è un plagio, questo non è un plagio”, ha aggiunto. “Ciò ha bisogno di un intervento umano.”

Oltre a bloccare alcuni contenuti legali, i critici della legge dicono che potrebbe anche danneggiare le aziende tecnologiche più piccole che non hanno le risorse o le competenze necessarie per costruire i filtri.

Un’altra parte controversa delle nuove regole, soprannominata “tassa di collegamento“, richiede motori di ricerca, piattaforme di social media e siti di aggregazione per condividere le entrate con gli editori se i loro contenuti sono visualizzati.

Google ha affermato che la regola incoraggerà i siti web a ridurre il loro uso di contenuti e rendere più difficile per gli utenti trovare notizie. Gli autori delle nuove regole hanno respinto tale richiesta, dicendo che Google e altri saranno ancora in grado di condividere frammenti di testo “molto brevi“.

Infatti, rispetto al testo iniziale, non bisognerà pattuire alcun compenso per «singole parole» ed «estratti molto brevi».

Tuttavia, la legge non specifica cosa significa “molto breve“.

Come l’Europa sta costringendo Google a cambiare il dibattito biennale che ha portato al voto di martedì è stato emotivamente carico. Più di 5 milioni di persone hanno firmato una petizione contro la legge e migliaia hanno protestato nelle strade.

La star dei Beatles Paul McCartney ha appoggiato la legge, ma Tim Berners Lee, inventore del world wide web, ha messo in guardia contro di essa.

Ci vorranno almeno due anni prima che la legge abbia effetto.

Da parte loro, gli editori rivendicano il diritto di monetizzare gli sforzi e gli investimenti economici e creativi del loro lavoro. Senza dover rinunciare all’esponenzialità dei rimbalzi caratteristica della diffusione su Internet.

Insomma, con questa legge si punta a impostare delle colmate nell’immenso mare del web. Vedremo come sarà armonizzata la legge nel nostro Paese. In questi anni, sia centro-sinistra che centro-destra a più riprese hanno tentato di mettere le mani su siti e blog. Scatenando ogni volta preoccupazioni per tentativi di porre bavagli al web.

Per molti, anche questa nuova legge sul copyright varata dal Parlamento europeo puzza di tentativo in tal senso. Del resto, colossi come Google e Facebook ci forniscono tanti servizi in modo gratuito. Perché dobbiamo pure metterli in difficoltà?

Luca Scialò

Pubblicato da Luca Scialò

Sociologo, blogger, web writer. Amo il Cinema, l'Inter e ovviamente scrivere

2 Risposte a “Nuova legge sul Copyright, cosa cambia e quali rischi”

  1. Io ho un blog di libri dove scrivo recensioni ai libri che leggo. Nelle recensioni sono solita mettere un estratto del libro per deliziare e invogliare il lettore a leggere il libro..secondo questa legge del copyright, potrò ancora mettere l estratto del libro nella recensione?

    1. Per ora, come ho scritto, è stata approvata dal Parlamento europeo. Poi ogni Stato la dovrà armonizzarla al proprio ordinamento legislativo. E hanno 2 anni per farlo. Quindi bisogna aspettare la legge italiana definitiva per capirlo.
      Nel tuo caso, comunque, non credo corri rischi. In fondo, fai una recensione, quindi pure un favore all’autore del libro visto che ne parli. Sarebbe assurdo se la prendessero pure.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.