Iva sugli assorbenti: una ingiustizia contro le donne tutta italiana

Iva sugli assorbenti: una ingiustizia contro le donne tutta italiana

«Il ciclo non è un lusso». Questo è l’ultimo slogan partorito per parlare di una ingiustizia quasi tutta italiana: l’Iva sugli assorbenti al 22%. Un aggravio di costo, per un prodotto sanitario che in realtà andrebbe distribuito gratuitamente o quasi alle donne. Visto che le mestruazioni sono una condizione obbligatoria per il gentil sesso, eccezion fatta per chi patisce determinate patologie o ha superato una certa età.

Certo, parlare di assorbenti gratuiti è comunque una utopia. Visto che c’è una industria dietro, un profitto importante con le varie marche che ci sono sul mercato. E pensare ad una statalizzazione di tale tipologia di produzione sarebbe insostenibile.

Tuttavia, è anche vero che lo Stato ci mette del suo. Con una imposta sul valore aggiunto tra le più elevate previste. Una ingiustizia quasi simile a quella per i prodotti culturali, sui quali pure grava una Iva del 22%. Un suo abbattimento, al 10 o al 5 percento, darebbe anche maggiore ossigeno per la vendita di prodotti in difficoltà come libri, vinili, cd, ecc.

Tornando all’Iva sugli assorbenti, qualcosa nel 2019 in realtà ha iniziato a muoversi. Ma, come al solito, sa di beffa. Vediamo come si può risparmiare sull’Iva sugli assorbenti e cosa prevedono gli altri Stati nel Mondo.

Iva sugli assorbenti quando è ridotta

iva assorbenti italia

Nel novembre 2019, l’Iva sugli assorbenti (ribattezzata Tampon Tax) è stata portata dal 22 al 5 percento solo per una tipologia in particolare: quelli compostabili e biodegradabili.

Come riporta Vanity Fair, però, si tratta della solita beffa all’italiana. Infatti, si tratta dei prodotti più ecologici, ma anche quelli più costosi e pure meno facilmente reperibili in commercio.

Infatti, nei supermercati e negozi restano quelli più comuni ancora tassati al 22%, una delle aliquote, come vedremo di seguito, più alte in Europa.

Iva sugli assorbenti come funziona in altri Paesi

tampon tax

Come riporta Open, a partire dal 2007, l’Unione europea ha autorizzato gli Stati membri a modificare al ribasso la Tampon tax. L’Irlanda, paese già fiscalmente molto agevole, l’ha invece eliminata definitivamente.

Ecco la situazione negli altri Paesi Ue e nel Mondo.

Iva sugli assorbenti nei Paesi Ue

Tra i Paesi che fanno compagnia al nostro troviamo:

  • Bulgaria al 20%
  • Lituania, Lettonia e Repubblica Ceca al 21%
  • Finlandia al 24%
  • Svezia, la Croazia e la Danimarca al 25%
  • Ungheria addirittura al 27%

In altri Stati dell’Ue, invece, la situazione è molto migliore:

  • Grecia, Spagna e Austria al 10% circa
  • Francia, Cipro e Regno Unito 5-5,5%

Iva sugli assorbenti nel resto del Mondo

Nel resto del Mondo, questi sono i Paesi che hanno azzerato l’Iva:

  • Canada
  • Australia
  • alcuni Stati degli Usa
  • India
  • Malaysia
  • Nicaragua
  • Uganda
  • Kenya
  • Tanzania
  • Trinidad e Tobago
/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Luca Scialò

Sociologo, blogger, web writer. Amo il Cinema, l'Inter e ovviamente scrivere. La mail per contattarmi: luca.scialo81@gmail.com Ricevi le News su Telegram senza censure Le voci di dentro su Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna all'indice