La Madonna di Montevergine, che protegge i gay: la sua storia

Data ultimo aggiornamento: 4 Marzo 2018

L’Italia si sta sempre più emancipando riguardo gli omosessuali. Se una decina di anni fa la politica apriva seriamente la discussione sui matrimoni gay grazie alla spinta di Rifondazione comunista all’interno del Governo Prodi – si parlò inizialmente di Pacs, poi di Dico e in fine non se ne fece più nulla – negli ultimi tempi si stanno registrando molti passi in avanti in questo senso. Si pensi alla legge Cirinnà, entrata in vigore il 20 maggio 2016 con la firma del Presidente della Repubblica. Certo, la versione finale della legge risulta alleggerita con il taglio di alcune parti rispetto al testo originale. Tra questi, il taglio più discusso è quello relativo alla possibilità di adottare il figlio naturale del partner (la cosiddetta stepchild adoption). Anche se esiste comunque qualche escamotage recandosi all’estero.

Alle leggi aggiungiamoci pure la televisione, che negli ultimi mesi ha sdoganato il matrimonio gay: prima Raitre che ha mandato in onda diverse storie, inizialmente in seconda serata e poi nel Prime time; poi su Canale 5, dove a Uomini e donne è stato previsto “un trono” per i gay. Anche la trasmissione Undressed sul canale Nove, dove sconosciuti si incontrano per la prima volta su un letto in lingerie, presenta di tanto in tanto protagonisti gay e lesbiche. Ma in pochi però sanno che in Italia c’è anche una Madonna gay friendly. Vediamo perché e dove si trova.

La Madonna gay friendly di Montevergine

madonna montevergineA sottolinearlo è Libero, che a sua volta ha attinto da Il fatto quotidiano. La “juta dei femminielli” è la processione che unisce famiglie “tradizionali” e omosessuali, etero, gay, trans, lesbiche, tutti insieme appassionatamente verso lo stesso santuario. Si festeggia la Candelora, la Madonna di Montevergine. Paesino che si trova in provincia di Avellino e dove si erge il santuario dedicato a Nostra signora. Il culto nasce da una leggenda antica: nell’anno 1256 Mamma Schiavona ha salvato la vita a due giovani omosessuali legati insieme a un albero, condannati – per il fatto di essere innamorati – a morire di sete e di freddo. Non solo, Montevergine era poi il luogo dove si riunivano i sacerdoti eunuchi di Cibele, la dea della natura. I Coribeanti vestivano abiti femminili e offrivano il loro sesso in dono alla divinità.

Montevergine, la Medjugorje italiana

Negli anni, la Madonna gay friendly di Montevergine è stata trasformata in un’ icona di apertura e tolleranza. Peccato che sia anche oggetto di qualche manifestazione di intolleranza. Qualche giorno fa la targa è stata imbrattata da teppisti omofobi che hanno scritto “Ricchioni pedofili“.

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Luca Scialò

Sociologo, blogger, web writer. Amo il Cinema, l'Inter e ovviamente scrivere. Per collaborazioni, banner, segnalazioni o richieste: luca.scialo81@gmail.com Ricevi le News su Telegram senza censure Le voci di dentro su Telegram

Una risposta a “La Madonna di Montevergine, che protegge i gay: la sua storia”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna all'indice