Israele sta bluffando: vuole continuare la guerra a Gaza per un altro anno

Israele sta bluffando: vuole continuare la guerra a Gaza per un altro anno

Quando finirà la guerra a Gaza? Una dichiarazione di Israele non lascia presagire nulla di buono.

Non si ferma il genocidio in corso a Gaza, conseguente alla risposta di Israele dopo i fatti del 7 ottobre 2023. Che puzzano, come più volte detto in questa sede, sempre più di 11 settembre 2001, per quanto poi a loro volta quegli attentati provocarono in Medioriente.

In questi giorni si è parlato tanto di possibili accordi, mentre gli Usa sono sempre più imbarazzati per come quel paese che tanto hanno armato, finanziato e sostenuto politicamente, si stia comportando negli ultimi anni. Perdendone definitivamente il controllo e l’influenza. Tanto che ormai Israele si è avvicinata tanto alla Cina, anche in virtù di uno scambio economico e tecnologico tra i due paesi.

Del resto, Israele lo ha detto chiaramente: l’operazione a Gaza durerà almeno un altro anno.

Quando finirà la guerra a Gaza?

Come riporta Il Primato Nazionale, la volontà è quella di portare ancora avanti il conflitto sul territorio palestinese senza alcun tentennamento, tregua o dubbio alcuno. Stabilendo un piano di guerra della durata di almeno un altro anno.

Come spiega Daniel Hagari, portavoce dell’esercito israeliano:

Non inganneremo l’opinione pubblica. Anche dopo che ci saremo presi cura di Rafah ci sarà il terrorismo. Hamas si sposterà a nord e si riorganizzerà

Contraddicendo così quanto detto inizialmente dalle fonti ufficiali israeliane, che avevano presentato l’operazione come una “guerra lampo contro il terrorismo”.

Intanto, la comunità internazionale sembra inerte. Detto degli Usa, più interessati all’Ucraina, dove pure però stanno perdendo consenti e credibilità, altre super potenze non sembrano troppo volersi interessare della questione. Come la Cina ma anche la Russia. Forse per mantenere i buoni rapporti con lo stato ebraico, all’avanguardia sulla tecnologia militare e magari per prendere il posto degli americani nei rapporti diplomatici.

L’Unione europea ormai non ha più voce in capitolo sulle questioni internazionali, semmai ne abbia avuta. Aspettando i diktat dalla Casa bianca.

L’Onu ha invece votato una prima risoluzione per riconosce la nascita di uno stato palestinese. Occorrerà però vedere quando ciò si verificherà e quali territori saranno rimasti alla Palestina. Israele probabilmente ha in progetto di rimuovere completamente i palestinesi da Gaza e fare mambassa.

Ricevi le news su Telegram iscrivendoti al canale dal bottone seguente:

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Carlo Brigante

Mi definisco un "ribelle" del web

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.