Inter, il dopo Zhan sarà italiano? I 4 candidati

Inter, il dopo Zhan sarà italiano? I 4 candidati

Chi sarà il nuovo presidente dell’Inter se i Zhang dovessero cedere? Ecco una rosa di nomi, tutti italiani.

La stagione dell’Inter prosegue come un’altalena, tra continui alti e bassi. Se il campionato è piuttosto disastroso, coi nerazzurri che rischiano perfino di finire fuori dalla zona Champions (in luogo dei cugini del Milan, delle romane, dell’Atalanta e della Juventus che potrebbe clamorosamente rientrare in corsa nonostante i 15 punti di penalizzazione), in Champions sono in semifinale e dovranno vedersela col Benfica.

Così come in Coppa Italia, l’Inter è in semifinale e la gara d’andata è finita 1 a 1 contro la Juventus. Partita però terminata in rissa, dopo 90 minuti e passa di quasi noia.

Insomma, una stagione tutta ancora da decifrare, sebbene, nel complesso, i tifosi non possono dirsi soddisfatti. Soprattutto della gestione della famiglia Zhan, che è stata molto brava in questi anni a rilanciare il brand, ma tecnicamente hanno investito poco. Del resto, è noto come la loro società, la Suning, vada avanti a colpi di obbligazioni. Così come, in generale, la Cina non intenda più investire molto sul calcio.

Orbene, chi potrebbe subentrare ai Zhang? Il futuro, contrariamente a quanto si pensi, potrebbe tornare a parlare italiano per l’Inter. A 10 anni di distanza dalla gestione Moratti, con l’indonesiano Erick Thohir che fece da intermezzo tra le due epoche.

Chi sarà il presidente dell’Inter dopo Zhan?

Come riporta Il Fatto quotidiano, se l’ex Presidente Ernesto Pellegrini è convinto che il prossimo presidente dell’Inter sarà un italiano. Mentre il giornalista di Mediaset, Marco Barzaghi, fa anche dei nomi.

Claudio Del Vecchio di Luxottica

Il primo nome che si fa è quello di Claudio Del Vecchio, ex presidente di Brooks Brothers e figlio di Leonardo, il patron di Luxottica morto il 27 giugno 2022. Ad onor del vero, già nel 2021 il Sole 24 Ore scrisse che gli advisor proposero proprio alla famiglia Del Vecchio di investire circa 200 milioni di euro nel club nerazzurro. La proposta fu rifiutata, nonostante la nota fede nerazzurra.

Tuttavia, dopo le dinamiche societarie successive alla morte del Patron, è impensabile che Claudio Del Vecchio possa muoversi da solo senza l’accordo con i suoi fratelli. Dato che a ciascuno di loro è andata una quota societaria del 12,5%.

Marco Tronchetti Provera di Pirelli

Un altro nome sarebbe quello di Marco Tronchetti Provera, amministratore delegato di Pirelli, sponsor dell’Inter dal 1995 al 2021. Ma anche qui non è facile, anche perché Pirelli è diventata cinese dal 2015, scalando la maggioranza azionaria della società. Quindi anche qui le cose non sono facili, anche per la questione Cina-calcio.

Remo Ruffini di Moncler

Altro nome che si fa è quello di Remo Ruffini, amministratore delegato di Moncler che oggi è a sua volta sponsor dei nerazzurri. Della cordata da lui guidata farebbe parte proprio la figlia di Pellegrini, Valentina, sposata con Alessandro Ermolli, a sua volta figlio primogenito di Bruno, storico manager vicino a Silvio Berlusconi. E visto che proprio l’ex presidente Inter ha parlato di sorpresa italiana per il dopo-Zhang, tutto lascia presagire che qualcosa bolla davvero in pentola dalle parti di Moncler.

Ernesto Bertarelli di Serono

L’ultimo nome citato da Marco Barzaghi è quello di Ernesto Bertarelli. Una voce non nuova, che circola dallo scorso autunno, quando il Financial Times scrisse che il gruppo Suning aveva dato mandato a Goldman Sachs e Raine Group di trovare un acquirente. Bertarelli è di origini italo-svizzero che guida la Serono, l’azienda che produce il farmaco per la fertilità Pergonal. Viene già dallo sport, visto che nella vela di Alinghi il suo team ha conquistato le edizioni 2003 e 2007 della Coppa America.

Bertarelli, secondo l’ultima classifica di Forbes, è il terzo uomo più ricco della Svizzera con un patrimonio di 9,4 miliardi di dollari. In questo caso però alla luce della sua forza economica, non si tratterebbe di una cordata ma da una scalata in solitaria.

Certo, sarebbe bello vedere l’Inter di nuovo in mano ad una italiana. Ma, a parte, la nazionalità della proprietà, ciò che sta a cuore ai tifosi nerazzurri è soprattutto tornare a vincere.

Ricevi le notizie direttamente sulla tua mail (controlla anche in Spam)

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Luca Scialò

Sociologo, blogger, web writer. Amo il Cinema, l'Inter e ovviamente scrivere. Per collaborazioni, banner, guest post, segnalazioni o richieste: luca.scialo81@gmail.com Ricevi le News su Telegram senza censure Le voci di dentro su Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna all'indice
Indice argomenti