Crea sito

INDICE DI GRADIMENTO TRA I SINDACI: AFFONDANO QUELLI DI SINISTRA, MA LO SCONTENTO E’ GENERALIZZATO

Data ultima modifica: 14 Gennaio 2014

NEL Sondaggio Ipr Marketing-Il Sole24Ore, IL 65% DEI PRIMI CITTADINI HA FATTO REGISTRARE UN CALO DEI CONSENSI. ANCORA PEGGIO I GOVERNATORI, CON IL 76%. VA MALE ANCHE PER RENZI E PIZZAROTTI.
Tasse in crescita, sicurezza e adempimenti complicati: sono sempre meno i cittadini intenzionati a confermare il voto a chi li amministra a livello locale. Sindaci e Governatori pagano dazio per i continui tagli ai fondi decisi da Roma, e dagli scialacquamenti di chi ha amministrato prima di loro. Certo, ci sono anche tanti casi di incapacità e di promesse esagerate in campagna elettorale, poi come al solito non mantenute. Fatto sta che in un sondaggio di Ipr Marketing e Sole24Ore, il 65% dei Sindaci fa registrare un calo dei consensi rispetto ai voti presi alle elezioni. Cifra che sale in modo imbarazzante per i Governatori: il 76%. Il crollo riguarda principalmente amministratori di centrosinistra, anche se non manca qualche eccezione positiva tra loro.

I GOVERNATORI – Tra i presidenti di Regione si registra una perdita di consensi per Nicola Zingaretti (Lazio) e Rosario Crocetta (Sicilia) – penultimo e ultimo – mentre a guidare la classifica ci sono “l’anti – Renzi” Enrico Rossi (Toscana), Luca Zaia (Veneto, -4% consensi) e Stefano Caldoro (Campania, +0,7%). A perdere la fiducia dei suoi cittadini più dei suoi colleghi è il Governatore della Calabria Giuseppe Scopellitti, (-15,8% rispetto alla sua elezione). Calo che travolge anche Roberto Cota, presidente del Piemonte, alla luce anche delle ultime polemiche su i rimborsi e l’annullamento delle elezioni del 2010 deciso dal Tar. Tengono invece i presidenti della Liguria Claudio Burlando (-1,6%) e quello della Lombardia Robero Maroni (+1,2%). Boom di consensi per Debora Serracchiani (+7,6%) mentre Nichi Vendola perde il 3,7% dell’apprezzamento dei suoi cittadini.
I SINDACI – Ma la crisi e la voragine dei consensi colpisce anche i sindaci. Soprattutto quelli “rossi”. Solo 27esimo in classifica il segretario del Partito democratico Matteo Renzi, che perde rispetto al suo ingresso a Palazzo Vecchio il 4,5%. Si attestano al 54esimo posto il primo cittadino di Milano Giuliano Pisapia (-4,1%) e al 61esimo quello di Napoli Luigi De Magistris (che perde il 14,38% dei consensi). Mentre il sindaco di Roma Ignazio Marino, dopo pochi mesi dalla sua elezione, ha già perso il 7,4% dell’apprezzamento. Ma si registra un calo anche per il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando che pur posizionandosi al 16esimo posto in graduatoria, perde il 13,4%. A tenere alta la fiducia degli elettori sono soprattutto i più giovani, tra cui Alessandro Cattaneo (Forza Italia, sindaco di Pavia) che guida la classifica con un +13,6% e Luca Ceriscioli, che registra invece un incremento del 7,1% dei favori rispetto al giorno della elezione.
Sul podio, dopo Cattaneo, ci sono però il sindaco di Bari Michele Emiliano e il sindaco di Salerno (e viceministro senza deleghe ai Trasporti) Vincenzo De Luca. Il primo fa registrare numeri lusinghieri, attestandosi al 66%, con un +6,13% rispetto alle elezioni. Il secondo gode ancora di discreta fiducia (65%), ma fa registrare un forte calo di consensi rispetto all’elezione, pari al 9,42%. Forse pesa la querelle relativa all’incarico ministeriale e alcune questioni giudiziarie locali.
E il cinquestelle Federico Pizzarotti? Decisamente male, al 73° posto, con il 49% dei consensi e un calo dell’11,23%.

SONDAGGIO


Il malcontento tra i votanti nei confronti del proprio Sindaco è molto diffuso. Quattro su sei si ritengono per nulla soddisfatti, mentre uno su cinque poco. Solo uno su 10 si dichiara molto soddisfatto.

(Fonte: Libero)

0 Risposte a “INDICE DI GRADIMENTO TRA I SINDACI: AFFONDANO QUELLI DI SINISTRA, MA LO SCONTENTO E’ GENERALIZZATO”

  1. azzardo l'ipotesi che, al di là dei meriti individuali dei singoli sindaci e governatori, molto pesi l'incertezza economica e la riduzione delle risorse anche a livello locale.. se ad esempio la sanità del Lazio risente dei tagli, è ovvio che un presidente di regione, anche se onesto, viene fatto oggetto di critiche.. o i guai di Napoli, o dell'Aquila non si possono risolvere con un colpo di bacchetta magica. De Luca non lo vorrei neanche come vicino di casa.. staremo a vedere ma se persino il "divino" Renzi ha perso consensi, difficile restituire la fiducia ai cittadini in breve tempo.. Ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.