IN SPAGNA GLI INDIGNADOS SONO IL PRIMO PARTITO CON PODEMOS, UN PO’ GRILLO E UN PO’ TSIPRAS

Data ultimo aggiornamento: 2 Dicembre 2014

I SONDAGGI LO DANNO AL PRIMO POSTO E BASA LE SUE FORTUNE SULLA RETE PUR MANTENENDO TONI PACATI ED EUROPEISTI
Dalla Spagna arriva una nuova speranza per la sinistra europea a dieci anni di distanza dal “sogno Zapatero”? Quest’ultimo, Premier spagnolo del Partito socialista, specie nella sua prima esperienza di Governo, fu visto da molti partiti europei di sinistra come il nuovo modello da seguire; riformista, moderno, concreto. In effetti il Paese iberico fece registrare, tra il 2004 e il 2007, una crescita economica importante nonché una vistosa emancipazione sul campo dei diritti civili. Anche in politica estera la Spagna aveva ritrovato un certo spessore, dopo gli anni da zerbino filoamericano vissuti con Aznar (si pensi all’immediato ritiro delle truppe spagnole dall’Iraq, spinto anche dall’attentato alla metropolitana nel marzo 2003). Poi, complice la recessione giunta nel vecchio Continente dall’America nel 2008, la sua spinta riformista si affievolì sempre più, perdendo gradualmente il consenso popolare fino al ritorno dei Popolari al governo nel 2011. Ora, a distanza di dieci anni, sempre dalla Spagna arriva un nuovo possibile modello per la smarrita sinistra europea; che si pone a metà strada tra Tsipras e Grillo. Trattasi di Podemos, la nuova formazione nata dalle piazze degli Indignados, oggi dato come primo partito nei sondaggi spagnoli.

CHI SONO – Un partito nuovo, è nato nel gennaio scorso, un leader, Pablo Iglesias, dall’eloquio affascinante e con un look giovanile, che non ha paura di farsi chiamare «segretario politico». Insomma, una sinistra che sa reinventarsi e che piace ai giovani, un esempio da seguire per chi a sinistra non digerisce le scelte di Renzi, ma non può accontentarsi dello scarso appeal di Sel.
Gli altri partiti spagnoli si mobilitano «contro il populismo», accusa che richiama il dibattito italiano. Le somiglianze con i Cinque Stelle esistono, ma sono più di forma che di sostanza: uso abile dei social network, primarie online e sfida alla «casta» (in italiano). Il cavallo di battaglia di Podemos è la lotta all’austerità, con accenti duri, propri della sinistra radicale, ma senza ipotesi di uscita dalla moneta unica. Più Tsipras che Grillo, tanto che la maggior parte degli eletti al Parlamento europeo fa parte del gruppo guidato dal politico greco. 
Il successo, per ora virtuale, è arrivato velocissimo. Nemmeno il tempo di trovare una sede che non sia un sottoscala. Mentre prosegue la ricerca immobiliare, Podemos (in spagnolo «possiamo»), compie balzi incredibili. Secondo un sondaggio pubblicato ieri dal Mundo, il movimento avrebbe scavalcato popolari e socialisti, inedito assoluto nella storia politica del paese: 28,3%, più del quadruplo dei voti presi alle Europee, due punti in più del partito di Rajoy, con il Psoe dell’astro nascente Pedro Sanchez fermo al 20%.
Sulle quattro mura campeggiano fotografie dell’assemblea che ha proclamato segretario Iglesias, professore universitario con destrezza mediatica. Nella Spagna dilaniata dalla crisi, il nuovo partito acquista consensi anche con un ruolo di mediazione sociale: aiuta i cittadini nel pagamento delle tasse, nell’iscrizione alle liste di disoccupazione, pure gli stranieri vengono alla Calle de Zarita per chiedere una mano. Basta uno sguardo superficiale alle pareti per capire che lo slogan di Iglesias «né destra, né sinistra» sia un espediente retorico. Fondatori, volontari e simpatizzanti hanno storie e linguaggi di sinistra, tanto che a fare le spese del boom sono Izquierda Unida e socialisti. 
COME REAGISCE IL PAESE – Il terremoto è totale, gli imprenditori sono spaventati, e serve immaginazione per realizzare che tutto nasca da questo scantinato a Calle de Zurita, venti metri quadri con saracinesca sporca, nel cuore di Lavapiés, quartiere interetnico di Madrid. Un po’ stupita sembra anche Fabiola Lopez, volontaria che da sola presidia il locale, lo pulisce e risponde alle richieste dei cittadini: «Ha letto El Mundo? Siamo primi – spiega, mentre sposta tavoli e piega volantini – forse è tempo di spostarsi in una sede più adeguata. Ma non abbiamo finanziamenti pubblici, non abbiamo nessun eletto in Spagna, andiamo avanti con donazioni online e con il merchandising».
Se alle politiche del 2015 finisse così, si produrrebbe uno stallo simile a quello italiano, con tre partiti nemici che non possono governare soli. Il tema, quindi, è quello delle alleanze: «Con Podemos nessun accordo possibile», spiega il socialista Sanchez. Una grande coalizione con i popolari è impensabile. Un patto con il nuovo partito lo chiede a gran voce Izquierda Unida. «Andiamo insieme», dicono i baschi di Bildu. Loro tacciono e, nel dubbio, evitano di presentarsi alle amministrative della prossima primavera. 

(Fonte: La Stampa)

0 Risposte a “IN SPAGNA GLI INDIGNADOS SONO IL PRIMO PARTITO CON PODEMOS, UN PO’ GRILLO E UN PO’ TSIPRAS”

  1. In effetti con Grillo hanno in comune l'anima movimentista ed internettiana, sono un movimento nato sostanzialmente sul web … il richiamo agli Indignados è vero solo in parte … nascono come aggregazione dopo la fine di questo movimento di piazza e nemmeno tutti provengono da lì .. . e,sempre con Grillo, hanno in comune il discorso della "casta" … Con Tsipras sono invece nello stesso gruppo parlamentare al parlamento europeo, il cosiddetto Gue …. dove c'è anche un altro partito spagnolo, la più "storica" Izquerda Unida, di cui fa parte anche il tradizionale Partito Comunista di Spagna, il Pce … però va detto con chiarezza che Podemos con la "tradizione comunista" non c'entra proprio un tubo …. e che rifugge, anche in questo come il M5S, da possibili alleanze con altre forze politiche in Spagna … Alla fin fine, si potrebbe sintetizzare che Podemos è una specie di M5S sul piano organizzativo ma molto più apertamente "de sinistra" … ma non ha nulla a che fare nemmeno con la sinistra tradizionale cui siamo abituati, nemmeno con quella più "antagonista" … è proprio un'altra cosa, del tutto nuova e mai vista prima …. anche la Syriza greca di Tsipras, pur fortemente innovativa nel metodo di intervento e nelle analisi, è comunque una coalizione di partiti e sindacati di sinistra di tipo tradizionale …Podemos invece nasce veramente in modo del tutto autonomo e quasi dal nulla …

  2. in compenso in Italia abbiamo la lega con salvini… come sempre da noi il nuovo che avanza… anzi che è avanzato e se prima già puzzava di fogna ora è pure peggio…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
Torna all'indice