IL PM ANTONIO INGROIA VA IN GUATEMALA, PROMOZIONE O FUGA?

IL PM ANTONIO INGROIA VA IN GUATEMALA, PROMOZIONE O FUGA?

DIRIGERA’ l’Unità di investigazioni e analisi criminale DELL’ONU
Il Plenum del Csm ha dato via libera al Pm Antonio Ingroia – titolare dell’indagine sulla trattativa tra Stato e Mafia – di lasciare la Procura di Palermo per un incarico dell’Onu in Guatemala. Si è parlato di forti discussioni interne all’organo, ma il voto è stata abbastanza netto: 17 voti a favore, 4 contrari e 3 astensioni. In realtà si è acceso un aspro dibattito anche fuori dal Csm, con la creazione di due scuole di pensiero: chi ritiene che Ingroia sia stato costretto ad andarsene per le troppe pressioni subite e chi invece la ritiene una giusta promozione. La causa scatenante è il fatto che il Pm palermitano è titolare di alcune delicate inchieste. Su tutte la trattativa Stato-Mafia.

NELLE SUE PAROLE TRAPELA AMAREZZA– «La Procura di Palermo ritiene di aver ricostruito la trama e lo svolgersi di questa trattativa» tra Stato e mafia e «di aver individuato i principali protagonisti, ma non ancora tutti coloro che hanno avuto un ruolo nella trattativa, nella consapevolezza che rimangono ancora dei buchi neri». Il procuratore aggiunto di Palermo, Antonio Ingroia, nel corso di una intervista a La Stampa, spiega che per risolvere i punti ancora da chiarire «dobbiamo superare l’omertà in Cosa nostra di quel tempo, e reticenze nel mondo istituzionale di quel tempo». Per farlo, aggiunge, «credo sia necessario che la politica, le istituzioni, comprendano di dover procedere quanto prima alla revisione della legge sui pentiti, allungando il periodo dei sei mesi entro i quali il collaboratore di giustizia deve dichiarare tutti i temi sui quali vuole parlare».
Antonio Ingroia dice di aver «apprezzato e condiviso il richiamo del Capo dello Stato alla necessità di lavorare senza sosta e senza remore per accertare la verità sulla strage di via D’Amelio». E, in riferimento all’appello di Napolitano di scongiurare sovrapposizioni nelle indagini, aggiunge: «È vero che in passato c’è stata qualche incomprensione tra le procure che indagano sul biennio stragista del ‘92-’93. Ma da tempo ormai il coordinamento funziona a perfezione come attestato dal procuratore nazionale antimafia Piero Grasso». «Io non mi sento in guerra con nessuno», prosegue Ingroia, «però che sia diventato un bersaglio questo lo avverto anch’io». Infine, annuncia che a settembre partirà per il Guatemala, accettando l’offerta delle Nazioni Unite per un incarico annuale di capo dell`unità di investigazione e analisi criminale nel paese sudamericano. Nel frattempo, conclude Ingroia, «ho deciso di rinunciare alle mie ferie».
Ora, come bisogna interpretare questa scelta? L’occasione da non perdere? In fondo parliamo di un incarico Onu. O l’occasione di “scappare” da un’Italia che mette costantemente in difficoltà i Magistrati, tagliandogli risorse e facendogli pressioni esplicite o subliminali? Ingroia lavorava per una Procura molto delicata, qual è quella di Palermo. Grillo sul suo Blog ha parlato di “confino”, altri di scelta inopportuna visto che alcuni delicati processi sono in pieno corso. I quali andranno comunque avanti, essendo Ingroia solo coordinatore.
Fatto sta che, qualunque sia la natura della scelta di Ingroia, l’Italia perde un altro importante Magistrato.

/ 5
Grazie per aver votato!

0 Risposte a “IL PM ANTONIO INGROIA VA IN GUATEMALA, PROMOZIONE O FUGA?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna all'indice