I FLOP DI TANTI PRESENTATORI ORFANI DI BERLUSCONI

I FLOP DI TANTI PRESENTATORI ORFANI DI BERLUSCONI

MOLTI DI LORO, I CUI PROGRAMMI ANDAVANO A GONFIE VELE IRONIZZANDO SUL CAVALIERE, STANNO REGISTRANDO SHARE MOLTO BASSI
Benigni lo aveva detto: “Silvio non fare scherzi, cosa facciamo senza di te?!”. Certo, lui ironizzava, ma fino ad un certo punto. Sapeva bene che senza Berlusconi tanti comici e giornalisti non avrebbero più avuto di cosa scrivere, avendo basato le proprie fortune degli ultimi dieci anni sull’anti-berlusconismo. Se Benigni è comunque un grande comico e un grande mattatore, e dunque riesce sempre a cavarsela brillantemente, altri stanno facendo registrare flop negli audience dei propri programmi, in alcuni casi perfino dimezzati. Vediamo la lunga lista.

ANTI-BERLUSCONIANI IN CRISI D’IDENTITA’ – L’ultima vittima illustre è Fabio Volo, trecentoseimila followers su Twitter. Dopo l’esordio all’8 per cento con un milione e centomila seguaci, a resistere nelle successive puntate della sua striscia su Raitre sono rimasti in 450mila (3,12 per cento) nonostante la presenza di Oliviero Toscani oltre a una chiccosissima intervista al grande critico letterario Harold Bloom. Quella di Volo in diretta è solo l’ultima conferma: lo sbarramento al 3 per cento degli antiCav ha mietuto finora Daria Bignardi (l’altra sera al 3,76), Serena Dandini, Sabina Guzzanti, Corrado Formigli e Luisella Costamagna (arrampicatasi per una volta oltre il 4). Un paio di punti in più, nonostante si attardi nella celebrazione di Mani pulite in chiave anticorruzione, riesce a strappare Michele Santoro dalla trincea della multipiattaforma.
IN CALO ANCHE IL TG DI LA7 – A perdere attrattiva anche il Tg in onda su La7 a cura di Enrico Mentana, che negli ultimi mesi terribili del Governo Berlusconi, durante i quali lo spettro della Grecia si faceva sempre più grande, faceva anche il 7-8 per cento di share, con punte che arrivavano all’11 per cento. Numeri incredibili per la rete, sottraendoli a Rai e Mediaset. La media del primo trimestre si aggira ancora intorno a quelle cifre, ma i primi scricchiolii non tardano ad arrivare. Insomma, anche il Tg di La7 comincia a “normalizzarsi” con la presenza del Governo tecnico.
Insomma, tutti in crisi gli anti-berlusconiani, come d’altronde lo stesso centro-sinistra i cui partiti hanno perso quel collante che li teneva insieme. Bersani, Vendola, Di Pietro, ma anche lo stesso asse Casini-Fini-Rutelli sembra un po’ meno affiatato e saldo. Berlusconi è stato lo spartiacque della Seconda Repubblica. Cosa distinguerà i partiti nella Terza? La pochezza della Tv è già un inquietante campanello d’allarme…
(Fonte: Il Giornale)

0 Risposte a “I FLOP DI TANTI PRESENTATORI ORFANI DI BERLUSCONI”

  1. beh intanto il Giornale ci sguazza a poter dare addosso alla satira/critica di sinistra..personalmente posso rinunciare a qualche trasmissione o scenetta satirica pur di non avere più tra le scatole né berlusconi né la triste pletora dei suoi scagnozzi..Infine penso in tutta onestà che data la situazione non ci sia al momento tantissimo da ridere..ciao

  2. In effetti il buffone b. (lui sì per davvero, Luigi) dava materia incredibile per giornalisti e comici e non solo italiani. Uno così non si era mai visto prima (e per fortuna non lo avremo più dopo). Logico ora che con un personaggio sobrio come Monti, di cui tutto si può dire tranne che non sia persona ammodo, far satira diventa molto più complicato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
Torna all'indice