Green Pass inutile? Lo dicono i dati

green pass inutile

Come noto, il Green Pass è diventato ufficiale alcuni giorni fa e sarà addirittura obbligatorio per svolgere alcune attività dal 6 agosto. Soprattutto quelle che si tengono in luoghi pubblici al chiuso, ma si sta pensando di espanderlo ulteriormente al settore dei trasporti e al personale scolastico.

Ricordiamo che il Green Pass è ottenibile dopo aver completato l’iter vaccinale, aver ricevuto la prima dose di vaccino almeno quattordici giorni prima, essere guariti dal Covid-19 da almeno sei mesi o aver effettuato un tampone 48 ore prima di mettersi in viaggio.

E’ bastata una conferenza stampa a dir poco terroristica di Mario Draghi per spingere molte persone a vaccinarsi. Sebbene già si tema che il Green Pass applicato al turismo, rischi di portare alla rinuncia per le vacanze per molti. O ad una ulteriore mazzata per il settore della ristorazione, già pesantemnte provato. D’altro canto, le multe sono salatissime.

Tuttavia, il Green Pass si presenta sostanzialmente come una misura inutile, oltre che, come detto, economicamente dannosa.

A dirlo sono questi numeri.

Variante Delta trasmessa anche da vaccinati

vaccino covid-19 rischi

Basta leggere le notizie che arrivano dagli Usa. Come riporta Sfist, iI Centers for Disease Control ha invertito la rotta lunedì scorso e ora raccomanda le mascherine anche per i vaccinati in tutte le aree del paese in cui le infezioni da COVID sono in aumento.

Il direttore del CDC, la dott.ssa Rochelle Walensky, ha citato dati non pubblicati degli ultimi giorni che suggeriscono che le persone vaccinate potrebbero essere in grado di diffondere la variante Delta con la stessa facilità delle persone non vaccinate.

Siamo tornati in una fase di costante cambiamento di informazioni e dati – e solo la scorsa settimana abbiamo avuto esperti che hanno messo in dubbio se i casi vaccinati e lievemente sintomatici o asintomatici debbano essere considerati casi “rivoluzionari”, e altri che hanno messo in dubbio se le persone vaccinate possano diffondere facilmente il virus

Ma come previsto, martedì il CDC ha cambiato idea sulla mascheratura, raccomandando che le persone vaccinate riprendano a indossare le mascherine in ambienti chiusi affollati. E, va notato, che mentre i raduni all’aperto sono ancora considerati sicuri, alcuni esperti ora mettono in dubbio anche quali ipotesi mantenere con la variante Delta.

Il dottor Eric Feigl-Ding, uno dei principali epidemiologi del mondo, ha indicato alcuni recenti casi di trasmissione “fugace” in Australia, anche se in ambienti chiusi, che sembravano verificarsi con pochissimi contatti ravvicinati. E un focolaio di circa 1.000 partecipanti a un festival di musica all’aperto nei Paesi Bassi sembra confermare che la trasmissione diffusa all’aperto della variante Delta è possibile tra la folla.

Come osserva l’Associated Press, Walensky ha citato i dati degli ultimi giorni, ancora inediti, prelevati da 100 campioni di individui vaccinati e non vaccinati con infezioni da COVID.

Hanno scoperto che la quantità di virus nel naso e nella gola delle persone infette vaccinate era quasi “indistinguibile” da quella trovata nelle persone non vaccinate, confermando ciò che alcuni esperti sospettavano. L’aumento della carica virale associato alla variante Delta sembra rendere le persone vaccinate uguali a diffondere il virus. Walensky ha affermato che i dati erano “abbastanza preoccupanti da farci sentire come se dovessimo agire“.

La scorsa settimana, l’esperta di malattie infettive dell’UCSF, la dott.ssa Monica Gandhi, ha cercato di sedare i timori sulle infezioni nella popolazione vaccinata, affermando che alcuni di questi casi lievi e asintomatici potrebbero rivelare “particelle virali morte nel naso” che innescano test positivi. E si è chiesta se quei casi siano altrettanto preoccupanti o degni di nota, dal punto di vista della salute pubblica, come quelli delle persone non vaccinate.

Gandhi aveva anche precedentemente avvertito che la rinnovata isteria tra gli epidemiologi ricordava la pandemia dell’AIDS e ci è voluto del tempo per trovare misure di mitigazione meno guidate dal panico

Il modo in cui gli scienziati parlano ora era il modo in cui parlavano gli scienziati all’inizio dell’epidemia di HIV”, ha detto Gandhi parlando con Slate. “Ci è voluto del tempo, e tutti erano spaventati e urlavano, proprio come lo siamo ora, all’inizio dell’epidemia di HIV

Per superare questa fase successiva della pandemia nel modo più sicuro possibile, dovremo sapere quando potremo revocare le restrizioni senza innescare nuove ondate. Fortunatamente, se prestiamo attenzione ad alcune metriche chiave, possiamo capirlo

scrivono gli autori.

Aggiungono che la nuova guida alla maschera riguarda il ritorno a un livello “accettabile” di ospedalizzazione e morte, simile all’influenza stagionale. “Tutte le pandemie finiscono“, affermano Gandhi e i suoi colleghi.

La domanda è: come facciamo a sapere quando lo fanno? Queste metriche ci aiuteranno a sapere quando iniziare a rimuovere le restrizioni e tornare sulla strada giusta per una nuova normalità

Quindi, ancora una volta, ci chiediamo a chi credere.

Parlando oggi a una conferenza stampa della Casa Bianca, il segretario stampa Jen Psaki ha affermato che CDC continua a fare ciò che dovrebbe fare come dati e la necessità di nuove modifiche alla guida.

Questo è il loro lavoro“, ha detto. “Il loro compito è esaminare le informazioni in evoluzione, i dati in evoluzione, una pandemia storica in evoluzione e fornire una guida al pubblico americano“. Ha ribadito che essere vaccinati rimane la migliore protezione contro il virus.

Per quanto riguarda il fatto che San Francisco sia considerata un’area ad alta trasmissione dal CDC in questo momento, lo è. Secondo il tracker del CDC, le contee di Alameda, Contra Costa, San Francisco e Solano sono tutte aree ad alta trasmissione, mentre il resto della Bay Area è nella categoria “trasmissione sostanziale“.

Infine, nella nuova guida CDC di oggi, ora raccomandano mascherine per tutti gli insegnanti, il personale, gli studenti e i visitatori delle scuole, indipendentemente dallo stato di vaccinazione.

Anche Fauci conferma che Variante Delta può essere trasmessa da vaccinati

anthony fauci variante delta
Foto da Wikipedia Commons

Anche il Guru dell’epidemologia, Anthony Fauci, afferma che la Variante Delta è una tipologia del tutto nuova di Covid-19.

Ora abbiamo a che fare con un virus diverso

Come riporta Cnbc, questo è ciò che il dottor Anthony Fauci, capo consulente medico della Casa Bianca, ha detto a NPR martedì sulla variante delta del Covid.

Questo non è il virus originale con cui avevamo a che fare. Questo ha diverse capacità molto più efficienti nella trasmissione da persona a persona

ha proseguito, spiegando perché i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno cambiato le linee guida della mascherina.

Fauci ha ricordato il succitato avvertimento della CDC sulle mascherine, raccomandando che le persone completamente vaccinate tornino a indossare maschere al chiuso in luoghi dove ci sono alti tassi di trasmissione, perché la variante delta è ora il ceppo dominante negli Stati Uniti a maggio. Quando il CDC aveva annunciato che completamente le persone vaccinate potrebbero abbandonare le loro mascherine, la variante delta più trasmissibile ha rappresentato solo circa l’1-2% delle infezioni negli Stati Uniti

La ricerca suggerisce che la variante delta è fino al 60% più trasmissibile rispetto alla variante alfa precedentemente dominante.

E sappiamo ora come un fatto che le persone vaccinate con Covid sono in grado di trasmettere l’infezione a qualcun altro.

ha detto Fauci a NPR.

Perché Green Pass inutile?

green pass inutile

Cosa si vuole dimostrare con tutto ciò? Che discriminare vaccinati e non vaccinati ai fini di una pubblica sicurezza, non ha alcuna giustificazione. Dare il lascia passare ad una persona vaccinata non ha senso visto che essa può comunque trasmettere il virus. Ancora più assurdo darlo a chi ha fatto una sola dose, visto che è ancora più vulnerabile di chi non ha fatto neppure la prima.

Imponendo un Green pass per svolgere normali attività, soprattutto del tempo libero, significa spronare la gente impaurendola che certe cose non le possa più fare se non si vaccina: mangiare in un locale al chiuso, andare ad un concerto, visitare un museo, ecc.

Sono certo che, qualora neppure questo basti, si inizierà a chiedere il Green Pass anche all’aperto e in altri luoghi come supermercati e Chiese. E il terzo step saranno i Pronti soccorso in ospedali con reparti delicati.

Vergognoso poi spostare la vaccinazione agli Under 11, dato che i più piccoli il virus manco lo avvertono. E, pure volendo tirare in ballo la questione della trasmissibilità, lo trasmetteranno comunque anche da vaccinati come visto.

Il tutto, senza sapere quali conseguenze potrebbe comportargli negli anni. Così come a tutte le altre fasce d’età. Anche se alcune controindicazioni, già riaffiorano subito. Vedi la miocardite (ne ho parlato qui). O i disastri provocati da Astrazeneca agli Under 60.

L’impressione, ancora una volta, è che, oltre al business dei vaccini ormai imperante, si voglia anche coprire il più possibile i tagli perpetuati negli ultimi decenni alla Sanità italiana. In quanto, con un minimo di ricoverati in più, gli ospedali vanno subito in affanno.

Sondaggio

Sei favorevole al Green Pass?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
Torna all'indice