Green pass truffa: come riconoscerla e quali rischi

green pass truffa

Tra perplessità e soliti rallentamenti, è partito il Green pass, che servirà per viaggiare tra paesi diversi. Certificando che la persona che lo possiede non è affetta da Covid-19 o è vaccinata con entrambe le dosi.

Occorrerà poi capire se ci accompagnerà per il resto della nostra vita o è solo una misura temporanea. Del resto, come faceva notare qualcuno, avrebbe dovuto chiamarsi Covid-19 pass. Proprio per conferirgli il sapore della temporaneità.

Detto questo, i truffatori hanno già pensato ad una truffa Green pass. Perché fatta la legge, trovata la truffa. Il Covid-19, in fondo, ha purtroppo ispirato altre truffe. Perché non ci si ferma neanche dinanzi alle tragedie o alle emergenze.

Vediamo dunque cos’è la truffa Green pass e come riconoscerla.

Green pass truffa come riconoscerla

green pass truffa

Come riconoscere la truffa Green pass? Ce lo dice Qui Finanza. Innanzitutto, devi sapere che arriva tramite messaggi ufficiali da parte del Ministero della Salute, che arrivano tramite via SMS e via mail. Recapiti che avremo lasciato all’autorità sanitaria o al medico di base quando ci si vaccina.

La truffa Green pass arriva via WhatsApp, quindi già ciò la rende riconoscibile facilmente. Tuttavia, meglio non limitarsi a questo, perché il canale potrebbe essere cambiato in corsa dai truffatori proprio perché ormai si è diffusa l’informazione.

Ecco il messaggio che il Green pass truffa contiene:

In questo link puoi scaricare il certificato verde Green Pass COVID-19 che ti permette liberamente di muoverti in tutta Italia senza mascherina

Truffa Green pass come evitarla

La cosa migliore da fare è ovviamente quella di ignorare il messaggio che vi arriva nella chat di WhatsApp. Considerate anche che, una volta cliccato il link inserito nel messaggio, al povero malcapitato sarà richiesto di inserire i propri dati personali e/o bancari con l’obiettivo di usarli in modo fraudolento.

Del resto, non occorre dare alcun dato bancario o di carte, perché non c’è bisogno. Il Green pass è del tutto gratuito. E ci mancherebbe pure!

La Polizia postale ha anche indicato una email per segnalare le truffe: commissariatodips.it.

Green pass cos’è e come funziona

green pass truffa come riconoscerla

Il Green pass viene rilasciato in questi casi:

  1. aver fatto la vaccinazione anti Covid, anche solo la prima dose
  2. essere negativi al test molecolare o antigenico rapido nelle ultime 48 ore
  3. essere guariti dal Covid negli ultimi 6 mesi

Come funziona? Dal 1° luglio il green pass italiano sarà valido anche come EU digital COVID certificate e renderà più semplice viaggiare da e per tutti i Paesi dell’Unione europea e dell’area Schengen. E serve per partecipare a eventi pubblici, accedere a residenze sanitarie assistenziali o altre strutture, nonché entrare o uscire in zone rosse o arancioni.

Il tutto sempre se esplicitamente richiesto da organizzatori, Stati o Comuni.

Occhio anche alla truffa del tampone a domicilio.

Iscriviti alla Newsletter per ricevere le news sul Covid-19 che i Tg non riportano!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
Torna all'indice