Grecia fuori da sorveglianza Ue: ma ne esce devastata

Grecia fuori da sorveglianza Ue: ma ne esce devastata

L’operazione è riuscita ma il paziente è morto. Questa, in estrema sintesi, la situazione della Grecia. Che, come riporta Ansa, dal prossimo 20 agosto uscirà ufficialmente dal regime di sorveglianza rafforzata Ue a cui è sottoposta dal “salvataggio” del 2010.

Lo hanno annunciato con soddisfazione i commissari europei responsabili dell’Economia, Paolo Gentiloni e Valdis Dombrovskis. I quali hanno sottolineato come la Grecia abbia rispettato la maggior parte degli impegni politici assunti. Anche alla luce delle complicazioni dovute al Covid-19 e dalla guerra in Ucraina.

Gentiloni e Dombrovskis hanno così detto che:

Atene passerà così al ciclo di sorveglianza post-programma (Spp) e del regolare semestre europeo per il monitoraggio della situazione economica, fiscale e finanziaria

L’incubo della Grecia può dirsi finito? Non proprio. Anzi, per gli ellenici – che sono stati sacrificati sull’altare dell’Euro in questi ultimi 12 anni – l’incubo è solo agli inizi. Considerando i danni economici per il paese che questo salvataggio ha causato.

Fine della sorveglianza rafforzata per la Grecia: i danni del salvataggio

Come riporta Domani, Atene ha ottenuto prestiti per un totale di oltre 260 miliardi di euro, dall’Ue e dal Fmi tra il 2010 e il 2015. Una cifra enorme che non è mai arrivata nelle mani dei greci, ma è stata solo una partita di giro, per pagare i debiti sovrani, cioè privilegiati.

L’Huffington Post snocciola poi vari numeri drammatici: il Pil nominale è indietro del 25% rispetto al periodo precedente la crisi. Il tasso di disoccupazione è oltre il 12% (la disoccupazione giovanile è intorno al 30 percento, una cifra comunque accettabile per come va il mercato del lavoro), anche se aveva sfiorato il 30% negli anni più bui.

Ed ancora, un deficit delle partite correnti del 14%, un tracollo degli investimenti esteri diretti ormai inarrestabile iniziato a cavallo del 2013 (-16%). Infine, un debito pubblico pari a circa il 200% del Prodotto interno lordo.

Il tutto, senza dimenticare che Mario Draghi da presidente della Banca centrale europea arrivò a chiudere i conti correnti dei greci nel 2012. Sulla scia dell’imperativo “whatever it takes” (a qualunque costo) per salvare quell’errore chiamato Euro.

Ricevi news senza censure su Telegram

banner-TELEGRAM
/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Luca Scialò

Sociologo, blogger, web writer. Amo il Cinema, l'Inter e ovviamente scrivere. La mail per contattarmi: luca.scialo81@gmail.com Ricevi le News su Telegram senza censure Le voci di dentro su Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna all'indice