Grande Reset e Covid-19: cos’è il progetto evocato dai complottisti

Grande Reset e Covid-19: cos’è il progetto evocato dai complottisti

Introduzione

Cos’è il Grande Reset? Cos’è il World Economic Forum? Quali sono le connessioni con il Covid-19?

In questi mesi – soprattutto con l’entrata in vigore del Green pass e della sua versione rafforzata che ha assunto il prefisso Super – abbiamo spesso sentito parlare di associazione tra Grande Reset e Covid-19.

Più precisamente, del fatto che il nuovo coronavirus che sta tenendo sotto scacco il mondo da quasi 2 anni, sia in realtà uno strumento per compiere quel Great Reset evocato nell’ultimo World Economic Forum.

Cerchiamo di capirne di più su questo teorema evocato dai complottisti (termine non usato in modo dispregiativo, ma solo per indicare quanti ci vedono altro dietro un evento).

Grande Reset cos’è

Come riporta Wikipedia, The Great Reset è il nome del 50° meeting annuale del World Economic Forum (WEF), tenutosi a giugno 2020. Ha riunito leader politici e imprenditoriali di alto profilo, convocati da Carlo, Principe di Galles e dal WEF, con il tema di ricostruire la società e l’economia in quello che i proponenti ritengono sia un modo sostenibile dopo la pandemia di COVID-19.

L’amministratore delegato del WEF, Klaus Schwab, ha descritto tre componenti fondamentali del Grande Reset:

  1. la creazione delle condizioni per una “economia degli stakeholder”
  2. la costruzione in un modo più “resiliente, equo e sostenibile”, basato su metriche ambientali, sociali e di governance (ESG) che incorporerebbero progetti di infrastrutture pubbliche più verdi
  3. sfruttare le innovazioni della Quarta Rivoluzione Industriale” per il bene pubblico

Nel suo discorso di apertura, la direttrice del Fondo monetario internazionale Kristalina Georgieva ha elencato tre aspetti chiave della risposta sostenibile:

  1. crescita verde
  2. crescita più smart
  3. crescita più equa

All’evento di lancio per il Grande Reset, il principe Carlo ha elencato le aree chiave di azione, simili a quelle elencate nella sua Iniziativa per i mercati sostenibili, introdotta nel gennaio 2020. Queste includevano

  • il rinvigorimento della scienza, della tecnologia e dell’innovazione
  • un passaggio verso lo zero netto transizioni a livello globale
  • l’introduzione della tariffazione del carbonio
  • la reinvenzione delle strutture di incentivazione di vecchia data
  • il riequilibrio degli investimenti per includere più investimenti verdi
  • l’incoraggiamento di progetti di infrastrutture pubbliche verdi

Nel giugno 2020, il tema del 51° incontro annuale del World Economic Forum di gennaio 2021 è stato annunciato come “The Great Reset“, che collega i leader globali sia di persona che online a Davos, in Svizzera, con una rete multi-stakeholder in 400 città in tutto il mondo. Il Grande Reset doveva essere anche il tema principale del vertice del WEF a Lucerna nel maggio 2021, che è stato posticipato al 2022.

Il World Economic Forum generalmente suggerisce che un mondo globalizzato è gestito al meglio da una coalizione auto-selezionata di multinazionali, governi e organizzazioni della società civile (OSC).

Vede i periodi di instabilità globale, come la crisi finanziaria e la pandemia di COVID-19, come finestre di opportunità per intensificare i suoi sforzi programmatici.

Ed è proprio su quest’ultimo punto che scatta la scintilla dei complottisti. I quali ci vedono una continuazione della strategia del World Economic Forum di concentrarsi su temi attivisti connotati come la protezione ambientale e l’imprenditoria sociale per mascherare i veri obiettivi plutocratici dell’organizzazione.

Cos’è il World Economic Forum

Come spiega sempre Wikipedia, il World Economic Forum (WEF) è un’organizzazione internazionale non governativa e di lobby con sede a Cologny, cantone di Ginevra, Svizzera. È stata fondata il 24 gennaio 1971 da Klaus Schwab.

La fondazione, che è principalmente finanziata dalle sue 1.000 aziende associate – tipicamente imprese globali con un fatturato di oltre cinque miliardi di dollari USA – e da sussidi pubblici, vede la propria missione come “migliorare lo stato del mondo impegnandosi in affari, politici, accademici e altri leader della società per definire le agende globali, regionali e industriali“.

Il WEF è principalmente noto per il suo incontro annuale alla fine di gennaio a Davos, una località di montagna nella regione delle Alpi orientali della Svizzera. L’incontro riunisce circa 3.000 membri paganti e partecipanti selezionati – tra cui investitori, leader aziendali, leader politici, economisti, celebrità e giornalisti – per un massimo di cinque giorni per discutere di questioni globali in 500 sessioni.

Accanto a Davos, l’organizzazione convoca conferenze regionali in diverse località dell’Africa, dell’Asia orientale, dell’America Latina e dell’India e tiene due ulteriori incontri annuali in Cina e negli Emirati Arabi Uniti. Produce inoltre una serie di rapporti, coinvolge i suoi membri in iniziative settoriali e fornisce una piattaforma per i leader di gruppi di parti interessate selezionati per collaborare su più progetti e iniziative.

Il World Economic Forum e il suo incontro annuale a Davos vengono criticati per quanto riguarda:

  • il costo pubblico della sicurezza pur avendo accumulato diverse centinaia di milioni di franchi svizzeri in riserve e non pagando le tasse federali
  • la formazione di una ricca élite globale senza attaccamento alle società più ampie
  • i processi di decisione antidemocratici
  • questioni di genere
  • mancanza di trasparenza finanziaria
  • criteri di selezione poco chiari
  • impatto ambientale dei suoi incontri annuali
  • cattura aziendale delle istituzioni globali e democratiche
  • non accreditamento dei media critici e iniziative istituzionali di whitewashing

Come reazione alle critiche all’interno della società svizzera, il governo federale svizzero ha deciso nel febbraio 2021 di ridurre i suoi contributi annuali al WEF.

Perché dietro Covid-19 ci sarebbe il Grande reset?

Secondo un articolo del WEF del 15 maggio 2020, il COVID-19 offre un’opportunità per “ripristinare e rimodellare” il mondo in un modo più allineato con gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite 2030 (SDG).

Ciò include il ripristino dei mercati del lavoro, poiché sempre più persone lavorano a distanza accelerando il processo del “futuro del lavoro. Il ripristino farà avanzare il lavoro già iniziato per preparare la transizione alla Quarta Rivoluzione industriale mediante il miglioramento e la riqualificazione dei lavoratori.

La teoria cospirazionista sul Great Reset suggerisce che alcuni leader mondiali abbiano pianificato ed eseguito la pandemia di COVID-19 per prendere il controllo dell’economia mondiale.

Un articolo del novembre 2020 su The Daily Beast ha identificato la teoria della cospirazione Great Reset come la prima teoria della cospirazione nella presidenza di Joe Biden.

I principali media come The New York Times, BBC e The Guardian hanno tracciato la diffusione dell’ultima teoria della cospirazione sul Grande Reset, che aveva integrato cospirazioni anti-blocco, a personalità e gruppi di Internet, tra cui Candace Owens, Glenn Beck, Laura Ingraham e Tucker Carlson di Fox News, e Paul Joseph Watson, l’editore con sede nel Regno Unito del sito web di Alex Jones Infowars, dove ha avanzato la teoria della cospirazione del Nuovo Ordine Mondiale.

Un articolo dell’ottobre 2020 di Snopes ha tracciato le origini di un’e-mail a catena pubblicata sui forum di cospirazione da un membro di un comitato inesistente all’interno del Partito Liberale del Canada che ha fatto trapelare il segreto COVID Global Reset Plan” to the QAnon-dedicated “Q Research board su 8kun.

Il 17 novembre 2020, un breve video del discorso di Trudeau in cui descriveva i punti chiave del concetto di “reset” economico era diventato virale, poiché riaccendeva il fervore sulla teoria del complotto del Great Reset che aveva assunto una nuova vita con il lancio del forum in maggio.

Nel novembre 2020, commentatori politici conservatori canadesi come Ezra Levant e il politico Maxime Bernier, che il 17 novembre si lamentarono sulla sua pagina web di essere l’unico politico canadese a parlare contro la minaccia globalista con Trudeau come il “più importante difensore al mondo” di questo Great Reset, insieme a Pierre Poilievre, un deputato, sono stati citati dai media per aver criticato il discorso di Trudeau.

Sostenevano che la retorica assomigliasse a quella della cospirazione del Grande Reset. Durante il discorso, il commentatore conservatore Spencer Fernando ha dichiarato:

Vogliamo che le nostre vite tornino alla normalità… Invece offrono solo più paura, più controllo, più centralizzazione e un rimodellamento delle nostre vite e della nostra economia senza nemmeno chiedercelo

Quando Poilievre fece circolare una petizione per “Stop al reset”, Le Devoir titolò un articolo in cui diceva che il Partito Conservatore stava abbracciando teorie cospirative. Il comitato editoriale di Toronto Star ha criticato Poilievre per aver “dato ossigeno” alla teoria della cospirazione infondata, con alcuni suggerendo che il suo incarico fosse correlato a una possibile elezione federale.

Il 13 dicembre 2020, il pubblicitario australiano Rowan Dean ha promosso la teoria della cospirazione su Sky News Australia, affermando che

Questo grande reset è una minaccia tanto seria e pericolosa per la nostra prosperità, per la vostra prosperità e la vostra libertà, come abbiamo affrontato in decenni

La teoria della cospirazione è stata diffusa anche dagli organi di propaganda russi. Secondo Oliver Kamm, in un articolo per il sito web CapX:

L’apparato di propaganda del regime di Putin ha pubblicato per molti mesi accuse selvagge da oscuri blogger secondo cui il Grande Reset è un codice per gli oligarchi per accumulare ricchezza e controllare le popolazioni

Conclusioni

Nuove coincidenze legate al nuovo Coronavirus, quindi, che lasciano sempre perplessi. Alle quali ogni volta ci si sforza di non credere. E’ come se fossimo passati dal “non è vero ma ci credo” all’ “è vero ma non ci voglio credere”.

Ricevi via mail le news sul Covid-19 che i Tg non riportano (controlla anche in spam)

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Luca Scialò

Sociologo, blogger, web writer. Amo il Cinema, l'Inter e ovviamente scrivere. La mail per contattarmi: [email protected] Ricevi le News su Telegram senza censure Le voci di dentro su Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna all'indice