ETNA, UN VULCANO QUASI IRRAGGIUNGIBILE PER I TURISTI

Data ultimo aggiornamento: 23 Aprile 2012

LO SI SCORGE DA PIU’ PUNTI, MA NEI FATTI POCHI SONO I MEZZI CHE VI ACCEDONO
Per le feste pasquali sono stato in Sicilia, nella fattispecie a Catania, visitando anche Siracusa e Taormina. Nei miei ingenui, ma in fondo giusti programmi, vi era anche quello di visitare l’Etna; maestoso vulcano che quando erutta regala meravigliosi scenari serali e quando è innevato sembra un fratello minore dell’Himalaya. Peccato però che non ho fatto i conti con i disservizi tipici italiani, i quali fanno di tutto per disincentivare il turismo e mortificare le tante bellezze naturali e culturali che abbiamo. Paradossalmente, nel nostro Paese i mezzi pubblici sono ridotti all’osso proprio nei giorni di festa; quando anche gli italiani stessi hanno più tempo a disposizione e voglia per fare i turisti. Sulla mia mancata visita all’Etna ha senza dubbio pesato l’intercorrere di Pasqua e pasquetta, giorni durante i quali le poche corse sono state perfino annullate. L’impiegata delle Fs ci ha detto “tanto i catanesi ci vanno con l’auto”. Del resto, come potrete vedere di seguito, non hanno tanta scelta.

AUTOBUS – L’unico mezzo pubblico che consente di raggiungere la vetta dell’Etna è l’autobus della compagnia AST. Parte da Catania, in piazza Papa Giovanni XXIII (la stessa piazza in cui si trova la stazione ferroviaria di Catania Centrale) e raggiunge il Rifugio Sapienza, a Nicolosi, da cui partono la funivia e le jeep verso la cima.
Partenza da Catania: ore 8:15 (tutti i giorni) e ore 11:20 (solo nei giorni feriali dal 15 giugno al 15 settembre)
Partenza dall’Etna: ore 10:45 (solo nei giorni feriali dal 15 giugno al 15 settembre) e ore 16:30 (tutti i giorni).
Il costo dovrebbe essere di circa 10/12 euro per il biglietto di andata e ritorno.
CIRCUMETNEA – Parte da Catania (Stazione Borgo) e fa quasi tutto il giro dell’Etna, fino ad arrivare a Riposto (e viceversa). Gli orari si trovano sul sito della circumetnea, indicativamente servono circa 3 ore e mezzo per andare da Catania a Riposto (o da Riposto a Catania), partendo dal livello del mare e attraversando molti paesi etnei fino a toccare quota mille metri prima di ridiscendere verso il mare. Tra i paesi attraversati, citiamo: Adrano, Bronte (città del pistacchio), Maletto, Randazzo, Linguaglossa.
Tra Maletto e Randazzo c’è la fermata Gurrida, che permette di visitare il lago e percorrere un suggestivo sentiero naturale.
Il costo di una corsa di sola andata da Catania a Riposto è di circa 7 euro.
NEI GIORNI FESTIVI NON FUNZIONANO – Questi unici due mezzi di trasporto nei giorni festivi NON FUNZIONANO. Peraltro, l’AST funge da ottimo integratore dei disservizi delle Ferrovie dello stato, giacché pochi sono i treni che partono da Catania per raggiungere le località vicine (ancor meno nei giorni di festa). La Circumetnea invece offre un suggestivo giro per varie località ridenti del catanese; dunque il danno della mancata funzione nei giorni festivi non riguarda solo l’Etna.
Ai tanti turisti che giungono a Catania nei giorni festivi e vogliono vedere l’Etna, non resta che osservarlo da lontano da uno dei tanti punti della città e sperare che un giorno questo Paese capisca che il turismo è la propria più importante ricchezza. Perché qui ho parlato della Sicilia, ma tale vergogna riguarda un po’ tutte le Regioni italiane.

0 Risposte a “ETNA, UN VULCANO QUASI IRRAGGIUNGIBILE PER I TURISTI”

  1. Concordo in pieno.. i mezzi di trasporto in Sicilia, ed in particolare nei giorni festivi, quasi non esistono.. Ecco perchè, ogni anno, quando vado giù al mio paese non posso partire senza auto..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
Torna all'indice