EQUITALIA CI STROZZA, MA CI COSTA ANCHE MEZZO MILIARDO DI STIPENDI

NEGLI ULTIMI TRE ANNI HA ANCHE PERSO 300 MILIONI DI FATTURATO. COL NUOVO DECRETO FARE, CHE GLI SOTTRAE INGENTI SOMME, RISCHIA DI ANDARE AL COLLASSO
Da alcuni anni Equitalia è diventata l’incubo peggiore degli italiani, i quali, per una banale bolletta non pagata, rischiano di ritrovarsi la casa pignorata. Questo mostro creato nel 2005 e reso sempre più potente anno per anno, è però anche un carrozzone fatto di privilegi e costi esosi (qui la storia). E se il decreto “Fare” sarà approvato, che prevede una stretta sui fondi erogatigli, questa Spa pubblica rischia di sprofondare.

MEZZO MILIARDO DI STIPENDI – Già oggi, infatti, secondo quanto riporta “Il sole 24 ore”  Equitalia naviga coi bilanci sul filo del rasoio: tra il 2010 e il 2012 ha accumulato perdite per 40 milioni e solo nel 2012 è tornata in utile, ma solo per 8 milioni. Il punto è che il 50% dei suoi introiti se ne va in stipendi dei dipendenti, che superano quota 8mila: nelle loro tasche sono finiti nel 2012 506 milioni di euro (erano addirittura 549 l’anno precedente). Ma da almeno tre anni, a fronte di spese fisse esorbitanti (almeno altri 450 milioni per i servizi), i ricavi si sono ridotti cospicuamente, di 197 sono tra 2010 e 2011. Già, ma cosa sono i ricavi per gli esattori del fisco? Sono semplicemente gli aggi, cioè le commissioni riconosciute al gruppo guidato da Attilio Befera sui volumi riscossi (e che col decreto fare verrebbero eliminati). Che valevano 1,224 miliardi nel 2010, sono scese a 1,031 miliardi nel 2011 e nell’ultimo bilancio, quello del 2012, sono scese di altri 100 milioni.
LE INGENTI PERDITE – In tre anni, quindi, Equitalia ha perso fatturato per 300 milioni, il 25% del totale. E del resto è la stessa Equitalia ad ammettere tra le pieghe del bilancio del 2012 che gli aggi sono in flessione in relazione ai minori volumi di riscossione (-12,6% solo nel 2012). La riscossione dei ruoli esattoriali che era stata di 8,6 miliardi nel 2011 è scesa infatti di un miliardo secco attestandosi a 7,5 miliardi a fine 2012.
I TAGLI GIA’ EFFETTUATI – Qualcosa Equitalia ha già tagliato: i membri del consiglio d’amministrazione e del collegio sindacale hanno incassato complessivamente nel 2011 4,2 milioni di euro. Nel 2012 una sforbiciata ha portato i compensi  1,77 milioni.
LA STRETTA PREVISTA DAL DECRETO FARE– Il decreto Fare, ammesso che andrà in porto così com’è, prevede per Equitalia solo un rimborso spese per il servizio esattoriale eseguito. Ma sarà davvero così? Se non altro la prima casa dei morosi non potrà essere toccata e il pagamento della multa può essere dilazionato in più rate e non più solo in due soluzioni come prima. Il che è già tanto.

(Fonte: Libero)
/ 5
Grazie per aver votato!

0 Risposte a “EQUITALIA CI STROZZA, MA CI COSTA ANCHE MEZZO MILIARDO DI STIPENDI”

  1. Intanto migliaia e migliaia di operai lavorano quasi gratis nelle aziende con stipnedi da fame, sfruttati, precari, con contrattini di due tre mesi, ma gli operai continuano a votare PD e a me questo mi fa abbastanza incazzare!!! PERCHE' ANCHE IO SONO OPERAIO E SONO PRECARIO!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna all'indice