Durante la Pandemia Fauci e co. hanno guadagnato quasi 700 mln di dollari

Durante la Pandemia Fauci e co. hanno guadagnato quasi 700 mln di dollari

Altre notizie emergono su quel periodo oscuro chiamato Pandemia. Oscuro per tanti motivi: sanitari, sociali, mediatici, economici, ecc.

In questi giorni è emerso che il National Institutes of Health ha ottenuto 710 milioni di dollari in royalties durante la pandemia, dalla fine del 2021 al 2023. Si tratta di pagamenti effettuati da società private, come i prodotti farmaceutici, per concedere in licenza innovazioni mediche a scienziati governativi.

Quasi tutto quel denaro – ben 690 milioni di dollari – è andato per al National Institute of Allergy and Infectious Diseases. La sottoagenzia guidata dal Guru della virologia, il dottor Anthony Fauci, plenipotenziale della sanità americana per quasi 40 anni, e a 260 dei suoi scienziati.

Sfido bene che ridesse alle spalle di Donald Trump, non a caso rimosso per portare a termine un disegno già scritto: mascherine, vaccini, lockdown. Ben portato a termine dal suo successore, sleepy Biden.

Il denaro finito a Fauci durante la Pandemia

Le informazioni su questo vasto complesso privato di diritti reali sono custodite saldamente dal National Institutes of Health (NIH). OpenTheBooks.com già denunciò nell’agosto scorso come sia stata costretta a fare causa per scoprire le royalties pagate da settembre 2009 a ottobre 2021, che ammontavano a 325 milioni di dollari su 56.000 transazioni.

I pagamenti sono saliti alle stelle durante l’era della pandemia: quegli anni hanno visto più del doppio del flusso di cassa verso gli NIH dal settore privato, rispetto ai 12 precedenti messi insieme. Si parla di 1,036 miliardi di dollari.

Fauci è anche stato chiamato a rispondere di questo e altro davanti alla Commissione parlamentare d’inchiesta, ma non molto alla fine è emerso. Probabilmente andrà verso l’impunità, soprattutto se Biden e chi lo copre dovessero rivincere le elezioni.

Ricevi le news su Telegram iscrivendoti al canale dal bottone seguente:

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Carlo Brigante

Mi definisco un "ribelle" del web

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.