Crea sito

Dumbo, Peter Pan e Aristogatti vietati ai bambini sotto i 7 anni: i motivi assurdi

Il Politically correct è ormai inarrestabile. Ormai non si contano tutti i casi che stanno coinvolgendo film del passato o cartoni animati incolpati delle accuse più assurde. Per non parlare di quelli stravolti per dare spazio alle nuove istanze sociali. Quando poi basterebbe creare personaggi ex novo, senza andare ad intaccare dei classici del passato.

Non è esente da questo fuoco incrociato del perbenismo culturale incalzante la Disney. Fabbrica di sogni per grandi e piccini da ormai un secolo. Ho già parlato di casi come quelli de Il re leone o de La bella e la bestia.

Ora però tocca ad una terna di classici, che sarebbero vietati ai bambini di età inferiore ai 7 anni per i motivi più ridicoli. Oscurati dalla piattaforma Disney+ dove la Hollywood animata ha racchiuso tutti i suoi prodotti. Mentre resteranno disponibili per gli altri con una nota introduttiva in aggiunta.

I classici incriminati sono Dumbo, Petern Pan e Gli aristogatti. Ecco perché.

Quali classici Disney sono bannati da Disney+

Come riporta Il Giornale, queste sono le rispettive motivazioni che hanno colpito i tre cartoni animati.

cartoni disney censurati

Dumbo perché censurato

Il dolce elefantino con le orecchie grandi, che lo trasformano suo malgrado in un fenomeno da baraccone, ma che al contempo gli danno 2 ali per volare alto rispetto alla crudeltà umana, sarebbe accusato per una canzone. In particolare un verso, che suonerebbe irrispettoso verso gli schiavi afroamericani che lavorano la terra.

Peter Pan perché censurato

Il giovane protagonista, che incarnerebbe quella che viene definita una sindrome di chi non accetta di crescere, avrebbe denigrato i nativi americani. In particolare, quando si è rivolto alla tribù di Giglio Tigrato con il nome di “Pellirosse“.

Gli Aristogatti perché censurato

Malgrado viviamo in un’epoca dove gli animali domestici sono trattati con tutti i privilegi, la scure della censura non ha risparmiato neppure il classico Disney con protagonisti i gatti. Il cartone offenderebbe il popolo asiatico con il personaggio di Shun Gon, il gatto siamese con i denti sporgenti e gli occhi a mandorla che suona il pianoforte con le bacchette.

Luca Scialò

Pubblicato da Luca Scialò

Sociologo, blogger, web writer. Amo il Cinema, l'Inter e ovviamente scrivere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.