DOPO UN ANNO DI DURO LAVORO LA CASTA VA IN FERIE

DOPO UN ANNO DI DURO LAVORO LA CASTA VA IN FERIE

IL PARLAMENTO SI RIUNIRA’ TRA UN MESE, IL 6 SETTEMBRE. FERIE LUNGHE ANCHE PER LE COMMISSIONI, CHE RIPRENDERANNO I LAVORI SOLO IL 29 AGOSTO

Dopo un anno di duro lavoro – con un ritmo stakanovista medio annuale di 2 giorni a settimana della durata di circa 3 ore – le Camere si concedono una meritatissima vacanza di oltre un mese. Il rientro è previsto per il 6 settembre, mentre le “utilissime” Commissioni parlamentari riprenderanno un po’ prima: il 29 agosto. Scrupolosi diremmo.
Anzi, in un primo momento, il rientro dalle ferie era previsto per il 12 settembre. Ma i nostri parlamentari sono appunto scrupolosi e sanno bene che con tutti i guai economico-sociali che ha il nostro Paese, 34 giorni anziché 40 di immobilismo parlamentare contano. Eccome. Sempre in tema di stacanovismo e scrupolosità, il Presidente della Camera Fini si è detto disposto a riunire la Camera anche “Ad horas”, perfino a Ferragosto. Cosa non farebbe il buon Gianfranco pur di infastidire Silvio e i suoi, visto che il suo Fli, in sede di preferenze elettorali, poco ci riesce (secondo i sondaggi supera poco più del 3%).


DAL PARLAMENTO SOLITE RISPOSTE SCARNE – Eppure, prima delle strameritate vacanze, il Parlamento doveva approvare alcuni decreti utili a calmare i mercati


altalenanti e come al solito a picco (di rigore e crescita insomma). Invece, a parte investimenti per circa 7 miliardi di euro per il Sud (pochi, per come sta rovinato), null’altro è arrivato.
Il discorso del Premier Berlusconi è stato all’insegna del fair play, del buon senso, della chiamata alla coesione tra maggioranza e opposizione. Come d’altronde auspica instancabilmente – e spesso con irritante utopia e convenzionalità – il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano (citato dallo stesso Presidente del consiglio durante il suo discorso). Un discorso, quello del Cavaliere, che molto probabilmente non avrà alcun esito positivo sulla Borsa, e che anche all’interno della stessa maggioranza non genera alcun clima di rasserenamento e pacificazione. Diverse, di fatti, le defezioni della Lega. A partire dal leader maximo Bossi.
Le opposizioni, di par loro, cercano di spingere il Governo alle dimissioni; proponendo però scenari diversi. Il Pd vorrebbe un Governo tecnico designato dal Presidente della Repubblica; l’Udc vorrebbe sì un Governo tecnico, ma scelto dal Parlamento con persone di “buona volontà” (essendo democristiani, certi termini tardano a mancare); mentre l’Idv propone le elezioni subito. Un’opzione questa alquanto impraticabile perché l’alternativa a questo Governo manca. Ai vari Bersani, Vendola e allo stesso Di Pietro, servono ancora mesi e mesi, se non anni, per trovare un programma che ne sintetizzi le idee e trovi tra loro un punto di accordo.

TUTTO RINVIATO A SETTEMBRE, FORSE – Insomma, la Casta va in vacanza per oltre un mese, rinviando tutti i problemi a settembre. I quali, già immaginiamo,

non saranno sicuramente risolti. Dunque, non ci resta che goderci questo mese, sperando che Lor Signori non ci delizino con scandali di case occulte site in Paradisi fiscali, o con festini a luci rosse. O ancora, con promesse varie – fatte abbronzanti e in polo – di dare battaglia in Parlamento, sconfessate immancabilmente in giacca e cravatta a settembre. Tutti teatrini di cui proprio non abbiamo bisogno. I nostri problemi economici, le nostre ansie per il futuro, quelle invece non andranno in vacanza. E non si scioglieranno al sole come un gelato. E come forse loro sperano.

A noi non resta che sperare che il Pellegrinaggio che faranno cento parlamentari in Terra Santa – come ormai da tradizione da diversi anni –  ci renda meritevoli di un miracolo. Quello che ci fu promesso 17 anni fa da un tale, lo stiamo ancora aspettando.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna all'indice