DOPO I VU’ CUMPRA’ SULLE SPIAGGE ARRIVANO I VU’ PREGA’

DOPO I VU’ CUMPRA’ SULLE SPIAGGE ARRIVANO I VU’ PREGA’

LA CHIESA NON VA IN VACANZA: aumentano gli evangelizzatori dA spiaggia, si moltiplicano le Chiese gonfiabili sulla battigia, sotto l’ombrellone spuntano i confessionali
La Chiesa scende in campo, anzi, in spiaggia e fornisce una serie di servizi per far sì che i cattolici anche in vacanza al mare possano seguire una Messa o confessarsi. I preti da spiaggia sono già stati ribattezzati  i «vù pregà»: in bermuda e maglietta, Bibbia tra le mani e crocifisso al collo, s’aggirano tra gli ombrelloni senza nulla da vendere ma solo per diffondere il Verbo e riportare all’ovile le pecorelle smarritesi in riva ai mari d’Italia e della vita.

I PRETI PIONIERI –  Cominciò nel 2001 padre Baldo Alagna, sacerdote della Fraternità missionaria «Giovanni Paolo II», riproponendo nel Belpaese il progetto che già negli anni Ottanta del vecchio secolo il fondatore della Fraternità, padre Pierre Aguila, aveva testato in Costa Azzurra: attraverso nuove forme di comunicazione annunciare la Parola di Dio in contesti dai quali si riteneva fosse ormai esclusa. «Fastmission» era il nome della prima missione di spiaggia italiana: toccò Torre del Lago per replicarsi poi, nel 2002, sulla riviera romagnola, e di lì all’infinito.
I SERVIZI OFFERTI – Oggi di missionari con infradito tra gli arenili se ne contano a migliaia: realtà ecclesiali come le «Sentinelle del Mattino di Pasqua», «Nuovi Orizzonti», gruppi di Rinnovamento, Gioventù Francescana, Neocatecumenali e tanti altri hanno sposato l’iniziativa, fatta ufficialmente propria (secondo le stime più aggiornate) anche da 35 diocesi. Megafoni a Chieti e Vasto, cappelle itineranti a Termoli e Cagliari, momenti di preghiera in Liguria e sulla costiera amalfitana. A Ladispoli come a Trapani a piedi sotto il sole per parlare di nuova evangelizzazione e Concilio.
A Pescara si sono superati, col «Summer event»: 200 giovani sparpagliati nella movida e tra i lidi. Qualcuno ha deciso di non lasciare via di fuga ai bagnanti, giungendo dall’Adriatico a bordo di natanti prontamente ribattezzati «i gommoni di Dio». E poi tutti a pregare nella chiesa gonfiabile di 32 metri per 22, allestita per l’occasione e più grande di quella in servizio permanente estivo ed itinerante tra Bibione, Riccione, Ravenna, Campomarino Lido, Marina di Ragusa, Palermo. Capace di ospitare fino a 600 fedeli, il tempio di gomma è il frutto dell’ingegno di un’azienda torinese che produce mongolfiere. I motori immettono aria compressa: tempo un minuto, e la messa è pronta per essere servita.
E poi naturalmente chiesa aperta, ovviamente anche di notte, «fino alle due», conferma orgoglioso il parroco, don Mario Calogiuri. «La mia chiesa è proprio di fronte al lungomare – spiega – e mi è sembrato il modo giusto perché le persone notassero la sua presenza». E se pure a qualche distrattone la cosa dovesse sfuggire, nessun problema: i missionari di spiaggia predicano anche in notturna, e per le vie del paese.
Del resto Cristo lo aveva detto: «Andate in tutto il mondo e predicate il Vangelo». Anche sulle spiagge in estate.

(Fonte: Il Giornale)

0 Risposte a “DOPO I VU’ CUMPRA’ SULLE SPIAGGE ARRIVANO I VU’ PREGA’”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
Torna all'indice