Gli Usa hanno inviato all’Ucraina carri armati che affondano nel fango: l’ennesima presa in giro

Gli Usa hanno inviato all’Ucraina carri armati che affondano nel fango: l’ennesima presa in giro

Come spiega un esperto a Forbes, i carri armati americani inviati in Ucraina necessitano di essere puliti ben 2 volte al giorno.

Come la vinco io la guerra?!” diceva disperatamente Totò nei panni di un gerarca riferendosi agli scarsi mezzi che gli avevano fornito. E forse, è quello che sta pensando Zelensky, alla luce dei rifornimenti scadenti che Usa e Ue gli stanno fornendo nella guerra contro la Russia.

Infatti, dopo i Leopard difettosi e obsoleti inviati dalla Germania, arriva un’altra beffa su cingolati: i carri armati americani Abrams M1 trasferiti in Ucraina, come si è scoperto, non resistono bene al fango. A riportarlo è Forbes.

I filtri di aspirazione del motore, infatti, devono essere puliti due volte al giorno per evitare che sporco e detriti penetrino nel potente ma fragile motore. E visto che sul territorio ucraino insiste il maltempo più estremo, non è certo una buona notizia.

Ucraina, carri armati americani affondano nel fango

Come riporta Maurizio Blondet, l’esperto militare David Axe ha così spiegato il malfunzionamento:

Se un equipaggio Abrams trascura di pulire i filtri del serbatoio ogni 12 ore circa, ciò potrebbe causare danni al motore così gravi che il battaglione non avrà altra scelta che rimuovere il motore ed eventualmente la trasmissione e inviarlo per una lunga revisione

Gli Abrams vengono riparati in Polonia. Un altro problema è l’elevato consumo di carburante. Ma questo si sapeva già prima delle consegne.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Vito Andolini

Appassionato di geopolitica e politica nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Indice argomenti