Covid, cos’è il Broncho-Vaxom: farmaco in vendita da 40 anni che previene contagio

Covid, cos’è il Broncho-Vaxom: farmaco in vendita da 40 anni che previene contagio

Introduzione

Una nuova speranza nella lotta al Covid-19 ci viene dall’Arizona e di mezzo c’è anche la firma di una ricercatrice italiana. Il farmaco in questione è il Broncho-Vaxom.

Un team di ricercatori dell‘Università dell’Arizona Health Sciences presso l’UArizona College of Medicine – Tucson ha scoperto che una combinazione di estratti batterici utilizzati in Europa per trattare le infezioni respiratorie può offrire un nuovo modo per prevenire o ridurre l’infezione da SARS-CoV-2, il virus che causa il COVID-19.

Lo studio, pubblicato sul Journal of Allergy and Clinical Immunology, ha dimostrato che una specifica combinazione di estratti batterici nota come OM-85 ha inibito l’infezione da SARS-CoV-2 riducendo la capacità del virus di attaccarsi alle cellule polmonari.

OM-85 è un lisato batterico, una combinazione di molecole estratte dalle pareti cellulari dei batteri, commercializzato al di fuori degli Stati Uniti con il marchio Broncho-Vaxom come trattamento preventivo per le infezioni delle vie respiratorie superiori nei bambini e negli adulti.

Cerchiamo di capirne di più.

Come riporta Arizona News, l’autore senior Dr. Donata Vercelli, professore di medicina cellulare e molecolare presso l’UArizona College of Medicine – Tucson e professore di genetica presso l’Istituto BIO5:

Le attuali strategie di prevenzione delle infezioni si basano su vaccini che attivano il nostro sistema immunitario per rispondere principalmente producendo anticorpi. Gli anticorpi si attaccano a una parte specifica del virus che agisce come la chiave e gli impediscono di essere in grado di legarsi al recettore delle cellule polmonari, che è come un blocco all’esterno della cellula polmonare. Questo studio è unico perché è la prima volta che i ricercatori hanno preso di mira il recettore – il blocco – con un estratto batterico e hanno dimostrato che protegge dall’infezione da virus vivo. In pratica stiamo rimuovendo il lucchetto dalla parete cellulare, quindi non c’è nulla a cui attaccarsi la chiave del virus

Quando SARS-CoV-2 entra nei polmoni, si lega ai recettori incluso il recettore dell’enzima di conversione dell’angiotensina 2, noto come ACE2, sulle membrane esterne delle cellule polmonari. Un enzima cellulare cambia la forma di una proteina sul virus per consentire a SARS-CoV-2 di violare la membrana e infettare la cellula.

Quando è iniziata la pandemia, Vercelli e Vadim Pivniouk, professore associato presso il Dipartimento di Medicina Cellulare e Molecolare, insieme ad altri membri del team di ricerca, si sono rivolti ai dati raccolti in uno studio di prevenzione dell’asma per determinare se il trattamento con OM-85 ha influenzato l’ACE2 recettore ed enzima coinvolti nel COVID-19.

Broncho-Vaxom che previene Covid: come si è svolta la ricerca

Vercelli ha collaborato con il Dr. Janko Nikolich-Žugich, professore e presidente del Dipartimento di Immunobiologia e membro di BIO5, e Jennifer Uhrlaub, ricercatrice associata, e ha scoperto che il pretrattamento delle cellule con OM-85 previene l’infezione da SARS-CoV-2. La capacità di OM-85 di prevenire l’infezione virale è risultata essere dipendente dalla sua capacità di diminuire l’espressione del recettore ACE2.

ACE2 è il pezzo fondamentale che fa salire la bilancia“, ha affermato Vercelli, che è anche direttore della genomica molecolare presso il Centro di ricerca sull’asma e le malattie delle vie aeree. “Senza quell’attacco iniziale – la chiave che si inserisce in una serratura – l’intero processo infettivo è deragliato e bloccato“.

Il meccanismo con cui l’OM-85 previene l’infezione virale è diverso da quello dei vaccini o dei trattamenti anticorpali, che si concentrano su una proteina virale. Prendendo di mira il recettore, OM-85 può chiudere la porta che consente al coronavirus di infettare le cellule, il che potrebbe renderlo efficace contro qualsiasi variante che infetta le cellule attraverso il recettore ACE2.

Studi originali di questo tipo ci richiedono di verificare se l’infezione da virus vivo può essere bloccata dal potenziale trattamento preventivo in questione

ha affermato Nikolich-Žugich. Il quale ha proseguito:

Questo deve essere fatto in strutture di contenimento della biosicurezza specializzate, quindi la nostra lunga esperienza con questo tipo di lavoro e la nostra struttura di biosicurezza presso BIO5 ci ha permesso di aiutare la dottoressa Vercelli e il suo team con questo studio

Vercelli e Pivniouk hanno anche chiesto l’aiuto della dott.ssa Monica Kraft, la Robert and Irene Flinn Endowed Chair del College of Medicine di Tucson, che ha raccolto cellule polmonari primarie da pazienti sani.

La logica per l’utilizzo di estratti batterici per prevenire l’infezione virale si riferisce a un precedente studio condotto da Vercelli, che è anche direttore dell’Arizona Center for the Biology of Complex Diseases. Nel 2016, il suo team ha scoperto che l’esposizione a prodotti microbici ambientali proteggeva i bambini delle fattorie Amish dall’asma e dalle allergie.

Il nostro sistema immunitario innato si è evoluto sotto pressioni ambientali come i batteri, ma i nostri attuali stili di vita spesso non ci danno la possibilità di sviluppare questa immunità protettiva”, ha detto Vercelli. “La nostra idea è usare il lisato batterico per addestrare il nostro sistema immunitario a proteggerci dai virus, allo stesso modo coloro che sono regolarmente esposti agli animali da allevamento sono protetti da una moltitudine di batteri e altri microbi

Secondo Vercelli, il trattamento con lisati batterici come l’OM-85 potrebbe favorire uno scambio più interattivo tra sistema immunitario e microbi.

Conclusioni

La Vercelli a Stasera Italia ha confermato che il Broncho-Vaxom sia in commercio in Italia da almeno 40 anni. Ribadendo però che il farmaco non sostituisce il vaccino. Certo, la premessa ormai è d’obbligo se si vuole parlare nelle Tv mainstream.

Tuttavia, se il farmaco è ancora più potente del vaccino nel prevenire gli effetti devastanti del Covid-19, e magari soprattutto la sua trasmissione, occorre insistere su questa strada. Perché abbiamo capito che il vaccino se riduce in parte gli effetti del nuovo coronavirus, e pure per un tempo di pochi mesi, non ne evita neppure la diffusione.

Sarebbe comunque anche un errore correre in farmacia e fare la scorta del farmaco presi da una nevrosi.

Ma il regime pro-Vax consentirà un ulteriore approfondimento?

Ricevi via mail le news sul Covid-19 che i Tg non riportano (controlla anche in Spam)

Pubblicato da Luca Scialò

Sociologo, blogger, web writer. Amo il Cinema, l'Inter e ovviamente scrivere. La mail per contattarmi: [email protected] Ricevi le News su Telegram senza censure Le voci di dentro su Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
Torna all'indice