Crea sito

Il lato oscuro di Bob Dylan: altro che pacifista e attivista

Bob Dylan non ha bisogno di presentazioni. Cantautore, compositore, musicista, poeta statunitense. Oltre che scrittore, poeta, pittore, scultore e conduttore radiofonico.

Nato Robert Allen Zimmerman, nome poi cambiato in Bob Dylan nell’agosto 1962 (ragione della scelta mai resa nota ufficialmente), vanta tantissimi primati:

  • ha creato la figura del cantautore contemporaneo
  • ha ideato il folk-rock (in particolare con l’album Bringing It All Back Home, 1965)
  • ha lanciato il primo singolo di successo ad avere una durata non commerciale (gli oltre 6 minuti della celeberrima Like a Rolling Stone, 1965)
  • ha lanciato il primo album doppio della storia del rock: Blonde on Blonde, uscito nel 1966)
  • il video promozionale del brano Subterranean Homesick Blues (1965) è considerato da alcuni il primo videoclip in assoluto
  • l’album Great White Wonder (1969) ha lanciato il fenomeno dei bootleg
  • la tripla antologia Biograph (1985) è considerata uno dei capostipiti dei box set.

Ha ispirato tantissimi cantautori, anche italiani (Edoardo Bennato ne imita anche l’uso della armonica). Tra i tantissimi premi e riconoscimenti vinti, l’ultimo è il Premio Nobel per la Letteratura. Ottenuto nel 2016 con la seguente motivazione: «Per aver creato nuove espressioni poetiche all’interno della grande tradizione della canzone americana».

A Stoccolma per ritirarlo però non si presentò (dopo giorni di annunci e smentite, anche su un suo possibile rifiuto), inviando un discorso per la cerimonia e affidando per l’occasione una sua canzone a Patti Smith: la famosa A hard rain’s gonna fall.

Oltre a tutto ciò, Bob Dylan è diventato negli anni simbolo del pacifismo e dell’attivismo. Soprattutto negli anni ‘70 contro la guerra in Vietnam.

Tuttavia, il cantautore folk-rock nasconde anche un lato oscuro, che il sociologo e mass-mediologo Ali Saad ha ben messo in luce.

Bob Dylan a favore di Israele

bob dylan canzoni

A riportare l’analisi di Saad è Al Jazeera, emittente araba diventata nota al Mondo poiché trasmetteva in esclusiva le minacce al Mondo di Bin Laden e dei suoi successori.

Bob Dylan, che ha scritto Masters of War – una canzone che si dice essere una protesta contro il complesso militare-industriale – a volte ha scelto di schierarsi con coloro che sono aggressivi e che opprimono. Il suo veemente sostegno alle guerre di Israele contro il popolo palestinese è un esempio lampante.

Lo scopo qui non è quello di approfondire le idee ideologiche di Dylan, poiché il cantante non persegue più l’attivismo contro la guerra o influenza l’opinione pubblica o la coscienza collettiva.

Piuttosto, è mettere in discussione il modo in cui i media, sia arabi che internazionali, hanno incorniciato la storia senza contestare la posizione pro-Israele di Dylan. E invece lo hanno ritratto esclusivamente attraverso il prisma della sua immagine costruita come difensore degli oppressi.

In un editoriale pubblicato dal quotidiano libanese Assafir, Dylan è descritta come una “icona di controcultura“, poiché viene citato il contributo del cantante all’industria musicale e alla poesia.

Mentre il quotidiano londinese Al Hayat descriveva Dylan come

la voce del movimento contro la guerra, vicino agli emarginati e agli oppressi, l’ultimo che può essere considerato un sostenitore della cultura dell’establishment americano

Dylan ha scritto la canzone Neighbourhood Bully, in cui ha elogiato uno stato di Israele circondato da nazioni ostili la cui immensità rappresenta una continua minaccia alla sua esistenza.

Il quotidiano egiziano al-Ahram ha piuttosto discusso della

delinquenza [nel] selezionare [a] un nuovo genere del Comitato Nobel che alcuni potrebbero non considerare appartenenti alla letteratura, il che solleva interrogativi da parte di molti che seguono la letteratura

Tra i pochi media che affrontarono a testa alta le ideologie ideologiche di Dylan c’era il giornale libanese di sinistra al-Akhbar che, in un pezzo pubblicato il 15 ottobre, ricordava ai lettori le controverse posizioni pro-israeliane di Dylan.

Lo scrittore ha sottolineato che – a differenza della narrativa dominante su Dylan – non c’era molto “spirito rivoluzionario” nelle sue canzoni e ha sottolineato

il distacco di Dylan dai movimenti politici nel suo paese avvicinandosi alle politiche bellicose israeliane ed esprimendo affinità con i più estremi e correnti razziste [israeliane]

Negli anni ’80, in seguito ai massacri dei campi profughi di Sabra e Shatila del 1982, dove migliaia di civili palestinesi furono massacrati dalle milizie libanesi cristiane con la connivenza dei militari israeliani, in un momento in cui gran parte di Beirut era ridotta in macerie dagli israeliani attacchi aerei, Dylan ha scritto la canzone Neighbourhood Bully. In cui ha elogiato uno stato di Israele circondato da nazioni ostili la cui immensità rappresenta una continua minaccia alla sua esistenza.

La canzone, che Stephen Holden ha descritto nel New York Times nel 1983 come “una difesa schietta di Israele“, inizia affermando due precetti chiave che enfatizzano la prospettiva israeliana.

In primo luogo, confrontando Israele con un uomo in esilio i cui nemici ingiustamente “affermano di essere su la loro terra“, una frase che funge da rimprovero a coloro che confutano la legittimità della pretesa storica di Israele sulla terra di Palestina.

Quindi, presentando metaforicamente Israele come un uomo “superato di un milione a uno“, che postula la frequente rappresentazione di Israele come il perdente del Medio Oriente.

Bob Dylan un falso mito pacifista?

bob dylan biografia

Una simile posizione di un attivista contro la guerra solleva seri dubbi sull’impegno di Dylan nei confronti dell’umanità e della moralità.

La sua canzone, un’indignata difesa delle guerre israeliane e la narrazione di una vittima eterna circondata da nemici aggressivi come quella di Dylan la descrive nei testi della canzone quando descrive l’uomo che simboleggia Israele con testi come:

È criticato e condannato per essere vivo; sdraiarsi e morire quando la sua porta viene aperta. Ha creato un giardino paradisiaco nella sabbia del deserto

In questi versi ha riportato la famosa rivendicazione dell’ex premier israeliano Golda Meir, dopo essere emigrato dall’Ucraina in Palestina nel 1921: “Una terra senza popolo per un popolo senza terra

Nel 1971, Dylan, le cui posizioni contro la guerra lo hanno reso il volto della protesta contro la guerra del Vietnam, ha confessato grande ammirazione per il movimento razzista israeliano Kach il cui leader Rabbi Meir Kahane ha chiesto l’espulsione forzata dei palestinesi dalla loro patria e il cui partito è stato bandito da allora.

Dylan ha descritto Kahane come “un ragazzo davvero sincero“.

Nello stesso anno, il giornalista del New York Times Anthony Scaduto menzionò

il fervido sostegno di Israele e i suoi contatti eccessivamente pubblicizzati con la Jewish Defence League

Più recentemente, nel 2011, nonostante l’appello del movimento Boycott, Divestment and Sanctions per annullare la sua esibizione in Israele, Dylan non ha ascoltato.

Una panoramica così concisa mostra quanto sia fuorviante costruire un’immagine di Dylan come icona universale dell’attivismo contro la guerra o un difensore dei diritti e delle libertà delle persone.

Mentre la sua posizione nei confronti della questione palestinese è una sofferenza puramente umana di un popolo sotto un’oppressione e un’occupazione militari in corso, è vergognoso. Il suo silenzio e il suo sostegno all’oppressore israeliano fanno beffe della sua statura come “angry humanitarian“.

Va da sé che Dylan, che una volta cantava

dove la casa nella valle incontra l’umida prigione sporca, dove il volto del carnefice è sempre ben nascosto, dove la fame è brutta, dove le anime sono dimenticate

ha fatto la sua scelta decenni fa: Schierarsi con il boia.

In effetti, era l’altro Bob Dylan che mancava nella copertura mediatica complessiva.

Bob Dylan origini

bob dylan foto

Del resto, se si guarda alle sue origini, queste posizioni non sorprendono.

Come riporta Wikipedia, i suoi nonni paterni, Zigman e Anna Zimmerman, emigrarono dalla città ucraina di Odessa negli Stati Uniti dopo i pogrom antisemiti del 1905.

Dylan stesso scrisse nella sua autobiografia Chronicles – Volume 1 che il nome da nubile della sua nonna paterna era Kirghiz e la sua famiglia era originaria di Istanbul, anche se lei crebbe nel quartiere Kagizman di Kars, nella Turchia orientale. Scrisse anche che il nonno paterno era di Trebisonda, città sulla costa turca del Mar Nero.

I nonni materni, Benjamin e Lybba Edelstein, erano ebrei lituani emigrati in America nel 1902. I suoi genitori, Abram Zimmerman e Beatrice “Beatty” Stone, facevano parte della piccola comunità ebraica della zona.

Occorre comunque anche dire che verso la fine degli anni ‘70 Bob Dylan abbracciò la religione cristiana, diventando un “cristiano rinato”.

Dal gennaio all’aprile del 1979, infatti, Dylan frequentò una classe di biblistica alla Vineyard School of Discipleship a Reseda, nel sud della California.

Il pastore Kenn Gulliksen dichiarò:

Larry Myers e Paul Edmond andarono nella casa di Dylan e gli amministrarono i sacramenti. Rispose dicendo “Sì”, lui in effetti vuole Cristo nella sua vita. E pregò quel giorno e ricevette il Signore

La svolta religiosa ebbe anche un riflesso artistico: Dylan pubblicò subito dopo due album di musica gospel cristiana.

E chissà che il cambio di nome non sia già stato un primo rifiuto alle sue origini ebraiche. Sebbene poi nei fatti, abbia avallato il modus operandi aggressivo di Israele.

Premio Nobel di matrice sionista

premio nobel

Del resto, guardando allo stesso Premio Nobel per la Pace, tutto combacia.

Infatti, come riporta Contropiano, sebbene gli Ebrei rappresentino meno dello 0.2% della popolazione mondiale, ben il 24% ha vinto il premio Nobel.

Fra i vincitori del Premio Nobel per la pace ci sono tre Primi Ministri israeliani che a loro tempo intrapresero delle guerre di pulizia etnica contro milioni di Palestinesi, e contribuirono a espandere gli insediamenti razzisti, “per soli Ebrei”, in tutti i territori occupati della Palestina.

I nomi includono quello di Menachem Begin (noto terrorista e attentatore di carriera), Yitzhak Rabin (militarista, assassinato da un terrorista Ebreo ancora più militarista) e Shimon Peres.

Fra gli ebrei americani i Nobel “pacifisti” rispondono al nome di Henry Kissinger, il supervisore del brutale e illegale conflitto statunitense contro l’Indocina, che causò quattro milioni di morti vietnamiti; che elaborò il “modello per un cambio di regime”, attraverso il rovesciamento del governo democraticamente eletto del presidente cileno Allende e condannò il Cile a decenni di stato di polizia e di terrore; e che infine supportò la distruzione di Timor Est in Indonesia!

In altre parole, questi destinatari di premi Nobel, che i Suprematisti citano come “esempi di Supremazia Ebraica”, hanno seminato e reso prigionieri di terrore e ingiustizia innumerevoli popoli e nazioni nel mondo; donando al Nobel per la pace un segno distintivo di dubbio valore. Purtroppo, a questo elenco si è iscritto pure Bob Dylan.

Pubblicato da Luca Scialò

Sociologo, blogger, web writer. Amo il Cinema, l'Inter e ovviamente scrivere

Una risposta a “Il lato oscuro di Bob Dylan: altro che pacifista e attivista”

  1. Ma è di orgini ebraiche sia da parte di madre che di padre e in USA se baci la pantofola di Sion la carriera è assicurata, chissà come mai…..!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.