BASSOLINO BIS…RIMPASTO O PASTICCIO?

BASSOLINO BIS…RIMPASTO O PASTICCIO?

Dopo il terremoto giudiziario che ha colpito l’UDEUR, più la necessità di dare un ritocco alla squadra dopo le accuse piovute da tutte le parti, Bassolino presenta il rimpasto della Giunta regionale campana. Escono così i 2 assessori UDEUR Nocera e Abbamonte, peraltro ancora ai domiciliari, 2 assessori del PD  e uno dello SDI, impegnati nelle prossime elezioni di aprile (Rosetta D’Amelio e Teresa Armato del PD e Marco Di Lello dello SDI).

Gli assessori entranti rappresentano più delle nomine “tecniche” che “politiche”, e sono:

         Domenico De Masi, Sociologo del lavoro, al Turismo e Beni culturali.

  Mariano D’Antonio,  professore ordinario di discipline economiche alla Federico II, alla Sapienza e a Roma 3, al Bilancio e programmazione.

         Alfonsina De Felice, presidente dell’Ato 3 Sarnese-Vesuviano, le Politiche sociali.

         Nicola Mazzocca, docente ordinario di sistemi di elaborazione alla Seconda Università di Napoli, all’ università e ricerca.

    –   Walter Ganapini, Presidente di Greenpeace (che ha rassegnato subito le dimissioni per incompatibilità di ruoli), all’Ambiente.

La nomina alquanto paradossale è proprio quella di quest’ultimo, Ganapini (assegnato tra l’altro all’assessorato maggiormente nell’occhio del ciclone, come quello dell’Ambiente), in quanto da Presidente di Greenpeace ha sempre criticato i termovalorizzatori, perché a suo dire la combustione dei rifiuti, oltre che determinare un impatto ambientale e sanitario, disincentiva qualsiasi strategia a monte di riduzione e raccolta differenziata, finalizzata al recupero dei materiali contenuti nei rifiuti. Ora però già parla da “politico” e proprio sull’argomento dice “vedremo”, anche perché la risoluzione dell’emergenza rifiuti in Campania la si spera di risolvere proprio con i termovalorizzatori. Quindi un suo diniego creerebbe un caso politico già sul nascere.

Vedremo cosa accadrà e se questi avvicendamenti, a prima vista comunque buoni, porteranno a Bassolino una ventata di fiducia da parte dei cittadini e della coalizione stessa che lo appoggia. Anche se, per come stanno ora le cose, altro che ventata, Er monnezza ha bisogno di un ciclone!

/ 5
Grazie per aver votato!

0 Risposte a “BASSOLINO BIS…RIMPASTO O PASTICCIO?”

  1. Uno degli errori del centrosinistra è stato quello di difendere l'indifendibile Bassolino.E pare, speriamo di no, che lo vogliano reciclare al Parlamento.

  2. e alla fine anche colui ch detestava gli incerenitori alla fine si sta rendendo conto conto che sebbene questi ultimi causano comunuque problemi di salute, alla fine però bisogna rendersi conto che purtroppo al mometo alternative all'incerenitore non esiste, e meglio che noi napoletani ma ance ambientalisti incomincino a capirlo. Un altro problema e che però dalle nostre parti bisogna però anche vedere il parere dei clan di camorra, che purtroppo, ed inutile nasconderlo, in Campania e diventato di fatto stato, e purtroppo io e te che siamo napoletani purtroppo queste cose le sppiamo molto bene.Comunuqe tranquillo, vedrai che se al PD riuscirà il miracolo di vincere, magari allo zio tonino bassolino gli toccherà proprio il ministro dell'ambiente……..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna all'indice