Fare il barbecue è illegale? Quando si rischia la multa

Fare il barbecue è illegale? Quando si rischia la multa

Organizzare un barbecue è un rito conviviale tipicamente legato al Lunedì dell’Angelo – meglio noto come Pasquetta – ma anche alle domeniche passate nei parchi o in prossimità dei laghi, alle serate estive in campeggio, ai pranzi organizzati nel proprio giardino con parenti o amici, e così via.

E’ un momento di allegria, che però può trasformarsi anche in un brutto momento, con tanto di multa salata al seguito. Infatti, ci sono casi in cui il barbecue non è consentito.

Vediamo quando si rischia una multa per il barbecue e dove è vietato.

Quando e dove il barbecue è vietato

Come riporta Metropolitano, a legiferare sul barbecue è il Codice civile, all’articolo 844:

il proprietario di un fondo non può impedire le immissioni di fumo o di calore, le esalazioni, i rumori, gli scuotimenti e simili propagazioni derivanti dal fondo del vicino, se non superano la normale tollerabilità, avuto anche riguardo alla condizione dei luoghi

Quindi, in parole povere, il barbecue non è vietato in assoluto, ma occorre usare cautela e buon senso. Ovvero, bisogna avere rispetto dei vicini, della comunità in cui si abita, dei luoghi dove il barbecue viene svolto.

Certo, non porre paletti finisce sempre per produrre dei comportamenti errati. Una cosa è certa: bisogna sempre rispettare le eventuali disposizioni comunali, regionali o condominiali ove presenti.

Ha fatto molto discutere il caso di un bolognese che ha dovuto pagare 200 euro di multa per aver organizzato un barbecue per festeggiare l’arrivo della Primavera. Infatti, in quei giorni, la Regione Emilia Romagna aveva dichiarato la misura emergenziale antismog e antinquinamento. Ed un barbecue, in quanto tale, è considerato altamente inquinante.

Altro rischio riguarda eventuali denunce di un vicino, per esempio, se le esalazioni finiscono verso la sua abitazione provocando fastidi e disagi.

Quando si rischia la multa per il barbecue?

Ricapitolando, dunque, prima di accendere la propria brace e iniziare a cuocere la carne (o il pesce) tanto agognata da tempo per allietare il proprio e altrui palato, occorre valutare se:

  1. il condominio in cui si abita non lo vieti (ci torneremo nel paragrafo successivo);
  2. se il fumo non crea problemi ai vicini (si può anche chiedere il loro permesso, magari avvisandoli se hanno anche dei panni stesi ad asciugare);
  3. se gli enti locali in cui si abita non lo vietino del tutto (in via temporanea, come visto a Bologna, o permanente);
  4. se non si arreca danno al luogo in cui la si sta organizzando (aree naturali particolarmente tutelate o delicate, ecc.).

Le multe possono cambiare da caso a caso. Generalmente si tratta di qualche centinaio di euro (almeno che il danno non sia particolarmente grave, si pensi ad un’area ecologica riservata) che si potrebbe benissimo risparmiare.

Il condominio può vietare di fare il barbecue?

Veniamo all’ultimo punto che interessa quanti vivono in un condominio: il condominio può vietare di fare la brace?

Come riporta il sito specializzato in questioni condominiali, Condominiochiaro, non vi è alcuna normativa che impedisca ai condomini di utilizzare il barbecue. Tuttavia, la corte suprema stabilisce che le immissioni possono essere autorizzate soltanto entro i limiti della tollerabilità normale. Quindi si ritorna all’articolo del Codice civile visto prima.

Le disposizioni a cui devono attenersi tutti i condomini vengono specificate nel regolamento condominiale. Per evitare problemi, comunque, bastano poche semplici regole generali:

  1. Non lasciare la postazione;
  2. Non usare troppa carbonella e rispettare il limite consentito di 5 cm;
  3. Gettare il carbone su di un terreno dove non c’è vegetazione o in appositi recipienti di ferro. Bisognerebbe evitare di inserirlo nella indifferenziata o peggio ancora nell’umido;
  4. Accertarsi che, dopo la cottura, il barbecue si sia raffreddato per bene;
  5. Rispettare il giusto quantitativo di contenitori con GPL;
  6. Tenere un secchio con acqua accanto alla brace, da utilizzare subito in caso di malaugurati incendi.

Ricevi le news su Telegram iscrivendoti al canale dal bottone seguente:

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Indice argomenti