Assicurazione auto: grazie al Coronavirus stanno diminuendo, tranne in queste Regioni

Assicurazione auto: grazie al Coronavirus stanno diminuendo, tranne in queste Regioni

Data ultimo aggiornamento: 3 Novembre 2020

Ai tempi del Coronavirus, le auto sono ferme nei garage. A parte quelle dei proprietari che devono andare per forza al lavoro. Sebbene, a sorpresa, in molte città lo smog anziché ridursi sta aumentando.

Ovviamente, ciò sta arrecando ingenti danni al settore. Dal punto di vista industriale, l’uscita di molti modelli è rinviata e la vendita ovviamente ha subito una drastica riduzione.

Così come i danni arrecati alle auto costrette all’immobilità, soprattutto alla batteria e alle ruote.

In teoria, con le auto ferme e i sinistri drasticamente ridotti, l’assicurazione auto dovrebbero radicalmente ridurre le proprie tariffe. Ed in effetti in alcune regioni è così, mentre in altre no. Ecco alcuni [sta_anchor id=”rca”]esempi[/sta_anchor].

Calo assicurazione auto per Coronavirus

Come riporta Virgilio, stando all’ultimo report di SOStariffe.it – uno dei maggiori portali in Italia per il confronto delle RC Auto (e non solo) – il costo medio dei premi per guidatori tra i 35 anni e i 54 anni si è abbassato anche del 23% rispetto al periodo pre-pandemico.

Nello specifico, si legge nell’analisi effettuata dal portale web, in tutto lo Stivale il costo medio della RC Auto è calato dell’11,6% rispetto ai prezzi rilevati nel mese di febbraio.

Una diminuzione che in alcune regioni è stato più sensibile che in altre: gli automobilisti pugliesi, ad esempio, hanno visto un calo dei premi RC Auto del 23,4%, quelli lombardi del 20,1% e quelli liguri del 18,6%.

Valle d’Aosta e Abruzzo sono, invece, in controtendenza, con una crescita dei costi dell’RC Auto rispettivamente del 2,7% e del 14,6%.

Cosa cambia per assicurazioni auto con Coronavirus

assicurazione auto coronavirus

Il Decreto cura Italia ha prolungato da 15 a 30 giorni il tempo di durata delle assicurazioni auto dopo la scadenza. Quindi, si avrà più tempo per pagare.

Ciò è stato ovviamente pensato per ridurre il più possibile l’intasamento negli uffici assicurativi per rinnovare il premio (anche se le modalità di pagamento sono varie) e per dare ossigeno a chi è in difficoltà economica per la chiusura di molte attività.

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Luca Scialò

Sociologo, blogger, web writer. Amo il Cinema, l'Inter e ovviamente scrivere. La mail per contattarmi: luca.scialo81@gmail.com Ricevi le News su Telegram senza censure Le voci di dentro su Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna all'indice