ANSIA E DEPRESSIONE IN AUMENTO: PSICHIATRI E CASE FARMACEUTICHE SI ARRICCHISCONO

ANSIA E DEPRESSIONE IN AUMENTO: PSICHIATRI E CASE FARMACEUTICHE SI ARRICCHISCONO

L’USO DI ANTIDEPRESSIVI E’ AUMENTATO DEL 4,5% IN 9 ANNI
La crisi economica sta generando un duplice effetto: da un lato si riduce la spesa degli italiani per i farmaci di prima necessità; dall’altro vi è uno spaventoso aumento dell’utilizzo di psicofarmaci per combattere ansia e depressione dovuti alla paura di un futuro incerto. Dal Rapporto dell’Osservatorio sull’impiego dei medicinali (OsMed) dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) emerge che l’uso di questi farmaci è infatti cresciuto costantemente nell’arco degli ultimi anni in Italia, facendo registrare un +4,5% rispetto al 2004. Anche in Europa, come da tempo in America, si sta generando un grosso volume di affari intorno al malessere degli individui; prodotto di una società consumistica, individualista e arrivista.


I DATI – In generale, sono le donne a mostrare una prevalenza d’uso più alta per i farmaci del sistema nervoso centrale, che inizia ad aumentare in maniera costante a partire dalla fascia di età compresa tra i 35-44 anni. Anche la prevalenza della depressione è più alta nelle donne rispetto agli uomini ed aumenta in maniera rilevante all’aumentare dell’età. Le linee guida, rileva il rapporto, raccomandano un trattamento di almeno 6 mesi nei pazienti affetti da depressione, in virtù dell’alto rischio di recidiva, a cui si attribuisce gran parte dei costi economici e sociali della depressione. In realtà, studi hanno dimostrato che quasi il 50% dei pazienti sospende il trattamento con antidepressivi nei primi 3 mesi di terapia ed oltre il 70% nei primi 6 mesi.
AUMENTO DELLA DEPRESSIONE – “Alcuni recenti studi internazionali – sottolinea il direttore Generale dell’Aifa, Luca Pani – indicano che nel 2020 la depressione, dopo le malattie cardiovascolari, sarà la patologia responsabile della perdita del più elevato numero di anni di vita attiva e in buona salute. Ed inevitabilmente gli antidepressivi rappresentano ad oggi una delle principali componenti della spesa farmaceutica pubblica. Nell’ultimo decennio il consumo di antidepressivi è cresciuto in maniera drammatica: da una parte, per l’aumentata prevalenza di depressione ed altri disturbi psichiatrici nella popolazione generale; dall’altra, per la maggiore maneggevolezza di altri antidepressivi di recente commercializzazione”. La prevalenza di depressione, rileva inoltre Pani, ”è più alta nelle donne ed aumenta in maniera rilevante all’aumentare dell’età, con un picco vicino al 15% negli ultra 75enni, valore probabilmente sottostimato a causa dei casi di depressione frequentemente non diagnosticati in età avanzata”.
Gli psicofarmaci possono risultare altamente tossici per la salute di un paziente; alteranti il suo sistema mentale. Basta farsi un giro in rete, tra siti e Youtube per leggere varie testimonianze di persone che hanno deciso di smettere dopo brutte esperienze.
Per uscire, o quanto meno ridurre di molto ansia e depressione, basta modificare il proprio stile di vita: uscendo spesso da casa, dedicandosi a un hobby, vedere persone; nonché cambiare il proprio stile alimentare, riducendo l’uso di caffè, alcolici e latticini, utilizzando prodotti naturali come ad esempio il Magnesio. L’alimentazione infatti incide molto sugli stati mentali, arrivando a provocare attacchi di panico, ansia, stress e malumore.

(Fonte: Meteoweb)
/ 5
Grazie per aver votato!

0 Risposte a “ANSIA E DEPRESSIONE IN AUMENTO: PSICHIATRI E CASE FARMACEUTICHE SI ARRICCHISCONO”

  1. Ho fatto post su questo ma quello che più mi spaventa sono gli psicofarmaci diretti all'infanzia, GLI PSICHIATRI NON CONTENTI DEI LORO LOSCHI SCOPI ADESSO VOGLIONO FARE ASSUMERE FARMACI ANCHE AI BAMBINI FIN DALLE ELEMENTARI.

  2. La psicologia è solo una pseudoscienza, ansia e depressione ci sono sempre state, ma mai ci sono stati tanti medici, ogni persona ha un medico e ogni medico ha da guadagnare e giù a prescrivere farmaci, una delle più grandi truffe del XX° secolo é questa. La storia mi darà ragione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna all'indice