Crea sito

Alan Friedman, chi è l’economista con la voce di Ollio che ci dà lezioni da 35 anni

Chi è Alan Friedman? Per chi lavora Alan Friedman? Cosa fa Alan Friedman? Se lo chiedono molti telespettatori ogni volta che lo vedono in tv, pontificare sul nostro paese con quel fastidioso accento americano stile Ollio. Sebbene Ollio fosse ovviamente più simpatico e il grande Alberto Sordi che lo doppiava lo facesse in via caricaturale.

Seguo la politica da quando avevo 19 anni. Ammetto che durante il periodo scolastico non mi appassionava, malgrado in casa guardassimo sempre programmi di approfondimento e talk. Essendo mio padre molto appassionato di politica. Ho iniziato a guardare programmi di approfondimento con una certa assiduità da quando ho iniziato a frequentare l’università, la quale mi ha innescato un maggiore senso critico. Una maggiore voglia di approfondire ed interessarmi alle tematiche legate alla politica, ai partiti. Poi l’attività pluridecennale di blogger ha fatto il resto.

Orbene, posso dire di essere cresciuto con la figura paffuta di Alan Friedman sempre davanti agli occhi. Col suo discorrere da straniero che commenta i fatti di un altro Paese. Che critica questa o quell manovra economica, il nostro modo di votare, che ironizza sui governi in carica.

Alan Friedman dà consigli non richiesti, lezioni poco gradite da tanti, specie perché vengono da chi proviene dal Paese che la profonda crisi attuale l’ha innescata.

Ora Friedman si sta scatenando con l’attuale governo in carica. Sconfessando il suo stesso cognome, che rievoca amicizia e disponibilità. Definendolo proprio in questi giorni “Il governo peggiore nel momento peggiore”, bocciando, da buon americano, in primis il Reddito di cittadinanza. Ad inizio anno, peraltro, ha pubblicato un libro dal titolo “10 cose da sapere sull’economia italiana prima che sia troppo tardi” (edito Newton Compton).

E se non conoscevi ancora Alan Friedman, o ti sei sempre chiesto chi fosse, te lo dico di seguito.

Alan Friedman chi è

Alan Friedman chi è

Chi è Alan Friedman? Come riporta Wikipedia, Alan Friedman è nato a New York il 30 aprile 1956, è un giornalista americano, autore ed ex dirigente dei media. Friedman ha studiato alla New York University (NYU) (B.A. Politics and History), alla London School of Economics (Relazioni internazionali) e alla Johns Hopkins School of Advanced International Studies (M.A. International Economics and Law).

Friedman ha lavorato nell’amministrazione del presidente Jimmy Carter nel ruolo di presidente della gestione presidenziale. Ha iniziato la sua carriera professionale lavorando per lo staff di Hon. Bella Abzug (D-NY) e di Hon. Donald Fraser (D-MN). Dal 1979 al 1993 ha lavorato per il Financial Times di Londra, come editorialista di obbligazioni, corrispondente bancario e corrispondente estero in Italia e negli Stati Uniti.

In Italia è approdato nel 1983, quando ha iniziato a lavorare come corrispondente a Milano per il Financial Times.

Il suo rapporto professionale con l’International Herald Tribune e la RAI è diventato, nel 1999, una joint venture per la coproduzione dei programmi settimanali World Business / Pianeta Economia (Planet Economy), prodotto da FBC.

È stato riconosciuto come il giornalista che guidò il rapporto sullo scandalo Iraqgate del 1991 che collegava la CIA con la fornitura di armi di origine non statunitense a Saddam Hussein. La carriera televisiva di Friedman iniziò nei primi anni ’80 con regolari apparizioni su BBC Newsnight. Nel 1991 ha partecipato, con Ted Koppel del programma Nightline ABC, alla produzione di una serie di trasmissioni di ABC / Financial Times sullo scandalo della vendita di armi all’Iraq.

Ha ospitato l’Alan Friedman Show, un talk show andato in onda sul canale di notizie Sky TG24 in Italia. Era dedicato all’economia e alla politica nazionali e internazionali. Dal 1994 al 2003 Friedman è stato corrispondente all’IHT dell’economia globale. Dal 2003 al 2005 è stato editorialista dell’economia globale per il Wall Street Journal Europe. È stato direttore esecutivo di World Business, un programma settimanale di business globale prodotto da FBC Media e trasmesso su CNBC.

Alan Friedman ha fondato ed è stato presidente di FBC. Il programma è stato cancellato nell’agosto 2011 dopo che è stato rivelato che FBC ha agito come una società di pubbliche relazioni per il governo della Malesia e ha portato boccate negli spettacoli che ha prodotto. FBC Media è entrata in amministrazione il 24 ottobre 2011. Dal 2011 al 2013 ha collaborato con il capo dello staff di Viktor Yanukovich, Serhiy Lyovochkin, Alan Friedman, Eckart Sager, che è stato un produttore della CNN, Rick Gates, Paul Manafort e Manafort’s. l’aiutante senior Konstantin Kilimnik ideò una strategia per screditare Yulia Tymoshenko insieme a Hillary Clinton.

Questo sforzo ha sostenuto l’amministrazione filo-russa dell’allora presidente dell’Ucraina Viktor Yanukovych. Nel settembre del 2018, Manafort si è dichiarato colpevole di aver manomesso i suoi sforzi per istruire Friedman e Sager su cosa dire del loro lavoro per lui e Yanukovich. Nella dichiarazione del reato di Manafort, Friedman viene identificato come “Persona D1”.

Nel febbraio 2014, il suo nuovo libro Ammazziamo il Gattopardo (Let’s Murder the Leopard) è stato serializzato con un estratto in The Financial Times of London. Ha ricevuto il Premio America della Fondazione Italia-USA nel 2014 e, il 6 settembre 2014, ha ricevuto il Premio Cesare Pavese, un premio letterario italiano, per il suo libro Ammazziamo il Gattopardo.

Il 2 dicembre , Friedman ha ricevuto il Premio Pannunzio 2014, un premio giornalistico italiano, con questa motivazione letto a nome della giuria: “Rappresenta un bell’esempio di giornalismo nella tradizione anglosassone, un giornalismo in cui i fatti sono separati dalle opinioni, con giudizio indipendente nel descrivere la politica italiana, e questo è molto al suo attivo. Friedman riesce a mettere il presente nella prospettiva storica, con obiettività e imparzialità “.

Alan Friedman libro su Berlusconi

Nel giugno 2015 è stato annunciato dai media italiani che Friedman avrebbe scritto la prima biografia autorizzata dell’ex Primo Ministro italiano e magnate dei media Silvio Berlusconi. In un video messaggio sul quotidiano italiano La Repubblica, Berlusconi ha spiegato che per molti anni i giornalisti gli avevano chiesto di scrivere la sua biografia ma lui aveva sempre rifiutato. Alla fine ha deciso di lavorare con Friedman perché si fida di lui.

Berlusconi ha anche aggiunto: “Come ha detto Steve Jobs al suo biografo: ti racconterò la mia storia, scriverai quello che ti piace”. La biografia di Berlusconi di Friedman è stata pubblicata in 19 lingue e in 32 paesi negli Stati Uniti, Europa e Asia. La prima pubblicazione è avvenuta nell’ottobre 2015 negli Stati Uniti da Hachette Books (Berlusconi: La storia epica del miliardario Who Took Over Italy), nel Regno Unito (My Way: Berlusconi nelle sue stesse parole) e in Italia da Rizzoli (My Way: BERLUSCONI si racconta a FRIEDMAN), in Francia di Michel-Lafon (Berlusconi se raconte a Friedman), nei Paesi Bassi (BERLUSCONI) e successivamente in Finlandia, Portogallo, Polonia, Bulgaria, Romania, Spagna, Cina, Russia, Azerbaijan, Svezia, La Turchia e altri paesi.

Alan Friedman contro Trump

Nel febbraio 2017 Friedman pubblicò un libro intitolato This Is Not America (Biteback Publishing nel Regno Unito e Newton Compton in Italia) che fu duramente critico nei confronti di Donald Trump e esaminò le divisioni nella società americana. Il libro è stato un bestseller in Italia per diversi mesi nel 2017.

Nel marzo 2018 Friedman ha dato il suo primo TEDxTalk alla Oxford University nel Regno Unito a un pubblico di 1.800 persone. Nel suo discorso Friedman ha ripetutamente criticato Donald Trump per aver danneggiato il tessuto sociale degli Stati Uniti, seminando odio e divisione e conducendo un’ondata demagogica populista che minacciava le tradizioni di forza dell’America attraverso la diversità culturale. Friedman ha anche avvertito che Trump stava attaccando diversi pilastri della democrazia americana con i suoi ripetuti attacchi alle forze dell’ordine, al Dipartimento di giustizia, allo stato di diritto, alla libertà di stampa e ai diritti delle donne, dei gay e delle minoranze.

Alan Friedman libri pubblicati

Quali sono i libri pubblicati da Alan Friedman? L’economista italiano nelle sue pubblicazioni si è occupato principalmente di Italia. Ecco l’elenco:

  • Tutto in famiglia, (Longanesi, 1988) ISBN 88-304-0834-4.
  • Ce la farà il capitalismo italiano?, (Longanesi, 1989) ISBN 88-304-0916-2.
  • AGNELLI and the Network of Italian Power (Harrap, New American Library, Longanesi and Planeta, 1988). ISBN 0-453-00690-6.
  • La madre di tutti gli affari, in collaboration with Emanuela Minnai (Longanesi, 1993). ISBN 88-304-1167-1.
  • Spider’s Web: The Secret History of How the White House Illegally Armed Iraq (Bantam, Longanesi, Faber and Faber, 1993). ISBN 0-553-09650-8.
  • Il bivio. L’Italia a metà strada tra crisi e transizione, (Longanesi, 1996). ISBN 88-304-1346-1.
  • Ammazziamo il gattopardo (Rizzoli, 2014). ISBN 88-170-7216-8.
  • Berlusconi: The Epic Story of the Billionaire Who Took Over Italy (Hachette Books, 2015). ISBN 978-0316301992.
  • This is Not America (Biteback Publishing, 2017). ISBN 978-1785902352.
  • Dieci cose da sapere sull’economia italiana, prima che sia troppo tardi (Newton Compton, 2018). ISBN 978-8822714190.
Luca Scialò

Pubblicato da Luca Scialò

Sociologo, blogger, web writer. Amo il Cinema, l'Inter e ovviamente scrivere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.