Crea sito

A CASORIA RAGGIRATO IL VOTO DEGLI ELETTORI

Data ultima modifica: 1 Novembre 2016

IL BILANCIO DI PREVISIONE E’ STATO APPROVATO DA UNA MAGGIORANZA DIVERSA DA QUELLA SCELTA DAGLI ELETTORI
A Casoria la democrazia è stata raggirata, in occasione dell’approvazione del Bilancio di previsione nel mese di luglio. La maggioranza a sostegno del Sindaco Carfora non è infatti più quella votata dai casoriani lo scorso anno. Il Bilancio è stato approvato in modo risicato con 13 voti favorevoli e 12 contrari, con 4 consiglieri di opposizione passati in maggioranza e viceversa 6 della maggioranza passati all’opposizione. Cambiata anche la Giunta.

CHI SONO I SALTIMBANCO – I quattro consiglieri di centro-destra che hanno votato in maniera favorevole, passando così di fatto in maggioranza, sono: Ferrara, Cerbone, Pugliese e Capano. I consiglieri di centro-sinistra che invece si sono opposti sono: Balsamo, Fuccio, Marigliano, Laezza, Monaco e Orsino Esposito.
Curioso il caso di Stefano Ferrara, Sindaco in quota Pdl della scorsa legislatura, e oggi, passato con il centro-sinistra, e dopo questo salto, dato dai “rumors” possibile Presidente del consiglio comunale. Ma anche quello di Pasquale Fuccio, che invece è il Presidente del consiglio comunale in carica, e dunque il suo diniego vale doppio. Si attendono pertanto anche le dimissioni.
CAMBIATA LA GIUNTA – Questa discutibile e camaleontica votazione ha provocato inevitabilmente anche radicali cambiamenti nella Giunta: Fuori Gagliardi del Pd e Bene dell’Idv, dentro Lanzano (Idv) e Valeria Esposito (secondo i ben informati in quota Pugliese, uno dei quattro consiglieri passati in maggioranza). Gli Assessori passano quindi da 6 a 7, alla faccia della Spending review.
Il Partito democratico si è tirato dunque fuori da questi squallidi giochini, in accesa polemica con il Sindaco formale, Carfora, e sostanziale, Casillo. Nonostante ciò resta nella Giunta Pasquale Tignola – Assessore all’ambiente del Pd, con poca voglia di salvarsi la faccia – e il consigliere Rosa Sosio. Entrambi comunque sospesi dal partito.
Insomma siamo ai soliti giochetti di palazzo. Altro che rilancio dell’azione amministrativa, qui siamo di fronte al solito raggiro del voto popolare, nonché ai soliti scambi politici. Oramai ci siamo abituati a livello nazionale, figuriamoci a quello locale. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.